GE Elvis Presley  
 

Vai Indietro   Grazie Elvis Forum > Elvis Presley > Elvis Presley and The U.S.A.

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
  #161  
Vecchio 04-06-2009, 13:47
hurt hurt Non in Linea
Elvis Golden Fans
 
Data Registrazione: 03 2006
Locazione: a casa mia
Messaggi: 12.666
Predefinito Re: Viaggio a Memphis

Del Meditation Garden ci sono foto ovunque sul web, però, dal momento che grazie a queste foto, sto tornando là con il cuore e la memoria, posto anche qualcuna delle mie



































































Qui approfitto per raccontarvi che in merito alla domanda sul perchè Gladys non è sepolta vicino a Elvis, bensì è alla sinistra di Vernon, una signora di Memphis (che ritengo molto attendibile) ci ha spiegato che secondo un'usanza popolare, la donna viene sempre sepolta alla sinistra del marito.

Ultima Modifica di hurt : 04-06-2009 13:55
Rispondi Citando
  #162  
Vecchio 04-06-2009, 14:03
gabby gabby Non in Linea
Elvis Golden Fans
 
Data Registrazione: 08 2006
Locazione: Davanti al pc
Messaggi: 2.839
Predefinito Re: Viaggio a Memphis

Bentornate ragazze! Hurt in questa descrizione hai davvero sintetizzato al massimo, e immagino che avresti tantissime cose da dire, ma la sintesi di tutto mi ha fatto leggere questo tuo post con commozione e brividi, perchè ho cercato di immedesimarmi in quello che hai provato!
Quote:
hurt Visualizza Messaggio
Con immensa tristezza dico: SONO TORNATA!!
Mai nella mia lunga vita mi era capitato di piangere perché mi lasciavo un posto alle spalle, ma questo è successo quando l’aereo è decollato dall’aeroporto di Memphis, per dare inizio alla via del ritorno. Le lacrime sono scese da sole sorprendendo anche me, visto che, caratterialmente, sono tutt’altro che una piagnona e sono ben poche le cose e soprattutto le persone che riescono a commuovermi.
Comunque, a parte le mie emotività personali, do il via al racconto della mia esperienza a Graceland e a Memphis, cercando di non dilungarmi troppo per non annoiarvi.
Sicuramente, di tutta la giornata, per me il momento più bello era dalle 7.30 alle 8.30 del mattino per l’accesso al Meditation Garden. Il primo giorno, appena ho attraversato il cancello, il cuore ha iniziato quel battito tipico di quando si vive una grande emozione. La “stradina” che porta al Meditation obbliga il passaggio davanti alla casa ed è inevitabile fermarsi a guardarla in tutta la sua maestosità. La maestosità della casa, non ha niente a che vedere con quanto si legge in giro, circa la grandezza, perché non è così grande come si pensa, anzi……… La maestosità della casa è il “toccare con mano” ciò che si è sempre visto in foto e sentire Elvis ovunque.
L’ho visto scendere ai cancelli per gli autografi, cavalcare o mentre scende dalla macchina ed entrare in casa.
Trovarmi davanti la tomba di Elvis, avvolta nel silenzio più totale rotto solo dal rumore della fontana, è stata un’emozione che non si può descrivere a parole. Qualcosa di misto tra l’incredulità di essere lì e la consapevolezza di trovarmi vicino a lui.
In mezzo al grande silenzio e l’immensa quiete che avvolge tutta Graceland (con grande rispetto da parte di chiunque sia presente che sia la security o i visitatori), il Meditation Garden è un’oasi di pace e soprattutto di riflessione, per tutto ciò che ha riguardato Elvis e la sua vita.
Senza nemmeno rendermene conto, in quella mezz’ora, con la memoria, ho ripercorso gli ultimi anni della sua vita e non ho potuto non pensare: ORA RIPOSI IN PACE!!!
Questa considerazione si è ripetuto ogni mattina fino a venerdì scorso. Io non avrei mai lasciato quel posto. Sarei stata lì tutto il giorno a pregare e in sua compagnia.
Visitare la casa è stato altrettanto emozionante e, secondo me, ovunque si sente la presenza di Elvis.
Hanno ragione coloro che dicono che si sentiva nell’aria quanto stava arrivando, perché all’interno della casa, sembra di vederlo scendere la scala. Io l’ho immaginato in cucina mentre beve il caffè, nella sala della tv seduto sulla sua poltrona preferita, nella jungle mentre si rilassa, ma soprattutto nella stanza del racquet ball la mattina del 16 agosto, dopo la sua ultima partita, mentre per l’ultima volta canta al pianoforte. Quest’ immagine è stata di una tristezza infinita, non solo perché 7 ore dopo non ci sarebbe stato più, ma principalmente perché per me è lacerante immaginare quella che fu la sua sofferenza fisica e psicologica degli ultimi anni e soprattutto nel 76 e 77.
Il pensiero che mi ha accompagnato sia durante i tour, che la mattina nel Meditation Garden è la certezza che Elvis oggi sta bene e mai come ora, lì, a casa sua è presente ovunque.
Sicuramente tutto è determinato dalla mia autosuggestione e soprattutto dal gran bene che gli voglio, ma ho percepito la sua presenza, per tutta la settimana, in ogni passo che ho fatto e in ogni persona che ho incontrato con cui ho potuto parlare di lui.
Credo di poter interpretare anche il pensiero di Tania, quando dico che ci siamo sentite accompagnate da lui per tutto il periodo che sono rimasta a Memphis.
Elvis ci ha accompagnato a Tupelo, dove bisogna dare onore e merito ai fans hanno fatto e stanno facendo un gran bel lavoro, per raccontare i suoi primi 12 anni, poi a Nashville, il cui centro turistico, potrebbe essere a rischio per due turiste sprovvedute come eravamo noi.
Per non parlare poi della pericolosissima zona dove si trova il museo della Stax (in cui di Elvis non c’è assolutamente niente).
Invece si è rifiutato di venire a Las Vegas e ha fatto bene, visto che all’Hilton di lui è rimasta solo la statua (brutta) all’esterno e all’interno 4 misere slot machines e un salottino (per fortuna fumatori) in cui sono appese alcune foto.
Per il resto tutto ciò che riguarda Elvis è stato smantellato dai nuovi proprietari.
Quindi non c’è più la show room e quella che era la sua suite al 30° piano dell’Hilton è diventato un mega appartamento per gli ospiti danarosi.
Era meglio se rimanevamo un giorno in più a Memphis e lasciavamo perdere Las Vegas. Saremmo rimaste con Elvis di più e ci saremmo risparmiate una grande delusione.

Il nostro albergo era a 30 metri da Graceland e, dalla nostra terrazza, potevamo vedere la coda del Lisa Marie, il muro di recinzione, gli alberi del parco e di notte vedevano le luci che la illuminano. Meglio di così non potevamo scegliere. Siamo andate a Memphis per Elvis e lo avevamo vicino di giorno e di notte!!!

Mi rendo conto di essermi dilungata troppo, ma ci sarebbero talmente tante cose da raccontare che non basterebbero 30 pagine.
Tra l’altro c’è il rischio che le parole riducano il valore di quelle che sono le reali sensazioni ed emozioni che si provano dentro e fuori Graceland, perché bisogna esserci per capire veramente.
Quindi preferisco rispondere ad eventuali vostre domande, ove mi è possibile rispondere e, quanto prima, postare alcune foto che sicuramente spiegano meglio di me!
Ne ho fatte oltre 1.700, senza considerare quelle che ha scattato Tania.
Potete immaginare il lavoro che ho a controllarle una per una, riordinarle, catalogarle e scegliere le migliori per sul forum e condividerle con voi. Ma prima o poi, prometto che lo faccio.

Per concludere dico solo che un pezzo di me è rimasto là!

Un salutissimo a tutti!!
Rispondi Citando
  #163  
Vecchio 04-06-2009, 14:04
gabby gabby Non in Linea
Elvis Golden Fans
 
Data Registrazione: 08 2006
Locazione: Davanti al pc
Messaggi: 2.839
Predefinito Re: Viaggio a Memphis

P.s: Le foto sono fantastiche, perchè hai preso angolazioni che è difficile vedere in giro!
Rispondi Citando
  #164  
Vecchio 04-06-2009, 15:32
Fede Fede Non in Linea
Elvis Fans
Utente Basic
 
Data Registrazione: 01 2005
Messaggi: 39
Predefinito Re: Viaggio a Memphis

Quote:
hurt Visualizza Messaggio
Con immensa tristezza dico: SONO TORNATA!!
Mai nella mia lunga vita mi era capitato di piangere perché mi lasciavo un posto alle spalle, ma questo è successo quando l’aereo è decollato dall’aeroporto di Memphis, per dare inizio alla via del ritorno. Le lacrime sono scese da sole sorprendendo anche me, visto che, caratterialmente, sono tutt’altro che una piagnona e sono ben poche le cose e soprattutto le persone che riescono a commuovermi.
Comunque, a parte le mie emotività personali, do il via al racconto della mia esperienza a Graceland e a Memphis, cercando di non dilungarmi troppo per non annoiarvi.
Sicuramente, di tutta la giornata, per me il momento più bello era dalle 7.30 alle 8.30 del mattino per l’accesso al Meditation Garden. Il primo giorno, appena ho attraversato il cancello, il cuore ha iniziato quel battito tipico di quando si vive una grande emozione. La “stradina” che porta al Meditation obbliga il passaggio davanti alla casa ed è inevitabile fermarsi a guardarla in tutta la sua maestosità. La maestosità della casa, non ha niente a che vedere con quanto si legge in giro, circa la grandezza, perché non è così grande come si pensa, anzi……… La maestosità della casa è il “toccare con mano” ciò che si è sempre visto in foto e sentire Elvis ovunque.
L’ho visto scendere ai cancelli per gli autografi, cavalcare o mentre scende dalla macchina ed entrare in casa.
Trovarmi davanti la tomba di Elvis, avvolta nel silenzio più totale rotto solo dal rumore della fontana, è stata un’emozione che non si può descrivere a parole. Qualcosa di misto tra l’incredulità di essere lì e la consapevolezza di trovarmi vicino a lui.
In mezzo al grande silenzio e l’immensa quiete che avvolge tutta Graceland (con grande rispetto da parte di chiunque sia presente che sia la security o i visitatori), il Meditation Garden è un’oasi di pace e soprattutto di riflessione, per tutto ciò che ha riguardato Elvis e la sua vita.
Senza nemmeno rendermene conto, in quella mezz’ora, con la memoria, ho ripercorso gli ultimi anni della sua vita e non ho potuto non pensare: ORA RIPOSI IN PACE!!!
Questa considerazione si è ripetuto ogni mattina fino a venerdì scorso. Io non avrei mai lasciato quel posto. Sarei stata lì tutto il giorno a pregare e in sua compagnia.
Visitare la casa è stato altrettanto emozionante e, secondo me, ovunque si sente la presenza di Elvis.
Hanno ragione coloro che dicono che si sentiva nell’aria quanto stava arrivando, perché all’interno della casa, sembra di vederlo scendere la scala. Io l’ho immaginato in cucina mentre beve il caffè, nella sala della tv seduto sulla sua poltrona preferita, nella jungle mentre si rilassa, ma soprattutto nella stanza del racquet ball la mattina del 16 agosto, dopo la sua ultima partita, mentre per l’ultima volta canta al pianoforte. Quest’ immagine è stata di una tristezza infinita, non solo perché 7 ore dopo non ci sarebbe stato più, ma principalmente perché per me è lacerante immaginare quella che fu la sua sofferenza fisica e psicologica degli ultimi anni e soprattutto nel 76 e 77.
Il pensiero che mi ha accompagnato sia durante i tour, che la mattina nel Meditation Garden è la certezza che Elvis oggi sta bene e mai come ora, lì, a casa sua è presente ovunque.
Sicuramente tutto è determinato dalla mia autosuggestione e soprattutto dal gran bene che gli voglio, ma ho percepito la sua presenza, per tutta la settimana, in ogni passo che ho fatto e in ogni persona che ho incontrato con cui ho potuto parlare di lui.
Credo di poter interpretare anche il pensiero di Tania, quando dico che ci siamo sentite accompagnate da lui per tutto il periodo che sono rimasta a Memphis.
Elvis ci ha accompagnato a Tupelo, dove bisogna dare onore e merito ai fans hanno fatto e stanno facendo un gran bel lavoro, per raccontare i suoi primi 12 anni, poi a Nashville, il cui centro turistico, potrebbe essere a rischio per due turiste sprovvedute come eravamo noi.
Per non parlare poi della pericolosissima zona dove si trova il museo della Stax (in cui di Elvis non c’è assolutamente niente).
Invece si è rifiutato di venire a Las Vegas e ha fatto bene, visto che all’Hilton di lui è rimasta solo la statua (brutta) all’esterno e all’interno 4 misere slot machines e un salottino (per fortuna fumatori) in cui sono appese alcune foto.
Per il resto tutto ciò che riguarda Elvis è stato smantellato dai nuovi proprietari.
Quindi non c’è più la show room e quella che era la sua suite al 30° piano dell’Hilton è diventato un mega appartamento per gli ospiti danarosi.
Era meglio se rimanevamo un giorno in più a Memphis e lasciavamo perdere Las Vegas. Saremmo rimaste con Elvis di più e ci saremmo risparmiate una grande delusione.

Il nostro albergo era a 30 metri da Graceland e, dalla nostra terrazza, potevamo vedere la coda del Lisa Marie, il muro di recinzione, gli alberi del parco e di notte vedevano le luci che la illuminano. Meglio di così non potevamo scegliere. Siamo andate a Memphis per Elvis e lo avevamo vicino di giorno e di notte!!!

Mi rendo conto di essermi dilungata troppo, ma ci sarebbero talmente tante cose da raccontare che non basterebbero 30 pagine.
Tra l’altro c’è il rischio che le parole riducano il valore di quelle che sono le reali sensazioni ed emozioni che si provano dentro e fuori Graceland, perché bisogna esserci per capire veramente.
Quindi preferisco rispondere ad eventuali vostre domande, ove mi è possibile rispondere e, quanto prima, postare alcune foto che sicuramente spiegano meglio di me!
Ne ho fatte oltre 1.700, senza considerare quelle che ha scattato Tania.
Potete immaginare il lavoro che ho a controllarle una per una, riordinarle, catalogarle e scegliere le migliori per sul forum e condividerle con voi. Ma prima o poi, prometto che lo faccio.

Per concludere dico solo che un pezzo di me è rimasto là!

Un salutissimo a tutti!!
Ben tornate!!!E' bello vedere e capire che alcune uniche sensazioni da voi provate sono quantomeno simili a ciò che anch'io ho provato e, non so se siete daccordo sul fatto che solo andandoci si possono provare certe emozioni...per quanto una persona sia brava a raccontare c'è un abisso tra ascoltare le esperienze e viverla in prima persona...
Ciao,
Fede
Rispondi Citando
  #165  
Vecchio 04-06-2009, 15:35
Fede Fede Non in Linea
Elvis Fans
Utente Basic
 
Data Registrazione: 01 2005
Messaggi: 39
Predefinito Re: Viaggio a Memphis

Grande!!!Mitico l'orsetto sulla tomba di Elvis!!!Veramente stoico, c'era anche un mese fa quando sono andato io!!!!
Rispondi Citando
  #166  
Vecchio 04-06-2009, 15:50
hurt hurt Non in Linea
Elvis Golden Fans
 
Data Registrazione: 03 2006
Locazione: a casa mia
Messaggi: 12.666
Predefinito Re: Viaggio a Memphis

Quote:
Fede Visualizza Messaggio
Ben tornate!!!E' bello vedere e capire che alcune uniche sensazioni da voi provate sono quantomeno simili a ciò che anch'io ho provato e, non so se siete daccordo sul fatto che solo andandoci si possono provare certe emozioni...per quanto una persona sia brava a raccontare c'è un abisso tra ascoltare le esperienze e viverla in prima persona...
Ciao,
Fede
Infatti Fede hai detto bene!!!!
Per quanto si possa avere una buona dialettica e si sappiano usare tutte le più belle parole del mondo, non si riesce mai a trasmettere appieno quelle che sono le vere senzazioni ed emozioni, che si vivono a Graceland. E' come trovarsi in un'oasi, dopo aver patito la sete nel deserto.......... e come si fa a spiegare quanto bene fa l'acqua per la sete e l'ombra per l'arsura??!!
Rispondi Citando
  #167  
Vecchio 04-06-2009, 18:35
hurt hurt Non in Linea
Elvis Golden Fans
 
Data Registrazione: 03 2006
Locazione: a casa mia
Messaggi: 12.666
Predefinito Re: Viaggio a Memphis

Entriamo in casa.......








A destra il divano di 3 metri e la stanza della musica























Rispondi Citando
  #168  
Vecchio 04-06-2009, 18:36
L'avatar di  Lisa
Lisa Lisa Non in Linea
Amministratrice
Site Admin
 
Data Registrazione: 10 2004
Locazione: italia
Messaggi: 11.472
Predefinito Re: Viaggio a Memphis

Sono bellissime queste foto Hurt!!! Diverse da quelle che si vedono solitamente! Brava!! Ottimo lavoro!
Non vedo l'ora di vederne altre!!

LISA
__________________
Grazie Elvis Official Fan Club
Officially Recognized by Elvis Presley Enterprises, Inc.

www.ShopElvis.it
Il negozio online del nostro Fan Club!

Unisciti a noi anche su Facebook!!!
http://www.facebook.com/pages/Grazie...2474753?v=wall


Rispondi Citando
  #169  
Vecchio 04-06-2009, 18:45
hurt hurt Non in Linea
Elvis Golden Fans
 
Data Registrazione: 03 2006
Locazione: a casa mia
Messaggi: 12.666
Predefinito Re: Viaggio a Memphis

A sinistra la sala da pranzo


















che naturalmente comunica con la cucina










Rispondi Citando
  #170  
Vecchio 04-06-2009, 18:46
marianna marianna Non in Linea
Elvis Super Fans
| over 300 |
 
Data Registrazione: 05 2009
Messaggi: 811
Predefinito Re: Viaggio a Memphis

Quote:
Lisa Visualizza Messaggio
Sono bellissime queste foto Hurt!!! Diverse da quelle che si vedono solitamente! Brava!! Ottimo lavoro!
Non vedo l'ora di vederne altre!!

LISA
concordo con lisa...sono molto belle,hanno una luce particolare...grazie davvero!!
Rispondi Citando
Rispondi

Bookmarks

Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di scrittura
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is Attivo
Smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato

Vai al Forum

Discussioni simili
Discussione Ha Iniziato questa Discussione Forum Repliche Ultimo Messaggio
Viaggio a Memphis Rossella O'Hara Elvis Presley and The U.S.A. 31 03-02-2011 12:08
Viaggio a Memphis!! Alan Materiale dai Fans 55 31-10-2010 08:23
VIAGGIO A MEMPHIS stanyelvis Tutto Elvis 8 05-05-2006 16:51
Possibile viaggio a Memphis... Grazia News 6 03-04-2006 09:44


Tutti gli Orari sono GMT +1. Attualmente sono le 23:00.


Powered by keyBoard versione 3.8.5
Copyright ©2000 - 2024, Assiplan.italia!