GE Elvis Presley  
 

Vai Indietro   Grazie Elvis Forum > Elvis Presley > Elvis Presley: Interviste e Documenti

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
  #1  
Vecchio 18-09-2008, 17:29
hurt hurt Non in Linea
Elvis Golden Fans
 
Data Registrazione: 03 2006
Locazione: a casa mia
Messaggi: 12.666
Ge721 Marty Lacker risponde ai fans

Su questo sito www.elvis-express.com ho trovato una sezione dove Marthy Lacker risponde alle domande dei fans.
Ho pensato di tradurre le domande/risposte più significative, perchè potrebbero essere anche le nostre domande.
Si parla di musica, di vita privata, di pillole, di impersonators, insomma di tutto un po'.

Di seguito quindi le domande a Marthy Lacker e le sue risposte.
Questa è solo una parte delle domande, se vi fa piacere avere anche quelle mancanti, ditemelo e provvedo a tradurle e postarle.

Spero di aver fatto un buon lavoro e soprattutto interessante

***********************

James Freed chiede:
Sono sicuro che ti è già stato chiesto, ma anche io vorrei una risposta da te.
Nella scena del taglio di capelli in Jailhouse Rock, come hanno potuto far sembrare che Elvis si fosse veramente tagliato i capelli?

Inoltre, Elvis ha detto che, tra i film che ha fatto, King Creole era il suo preferito ……….. negli anni ’70 ha mai parlato di fare un remake del film oppure tu pensi che ci poteva essere un sequel di questo film?

Vorrei anche chiederti che cosa pensi del film “Elvis meets Nixon” e di Rick Peters che ha interpretato Elvis

Marthy risponde:
Per quanto riguarda la scena Jailhouse Rock gli avevano fatto una parrucca e tagliavano quella. Elvis non ha mai parlato di fare un remake o un sequel di King Creole

Invece il film “Elvis meets Nixon” è terribile e hanno reso Elvis un pagliaccio.
Il ragazzo che interpreta Elvis è un idiota. Le persone che hanno fatto il film hanno voluto ridicolizzare Elvis.
Io ho un buon senso dell’umorismo, ma questo film non mi ha divertito
---------------------------------------------------------------------------------------------------------
Andrew Lovett chiede:
Cosa ne pensi della scelta della EPE sull’impersonator Shawn Klush che, sia in pubblico, che in tv si comporta come se fosse Evis ?



Marthy risponde: :
Tanto per cominciare, tutti conoscono la mia opinione sugli impersonators: LI DETESTO!
Mi fa ridere la scusa che danno, dicendo che lo fanno per fare un tributo ad Elvis.
Quello che fanno è una misera imitazione, perché loro vorrebbero essere una star e si immaginano di indossare gli abiti di una super super star come era Elvis, perché questo offre loro un pubblico. Sfortunatamente, ci sono molti fans che si radunano per vedere questi pagliacci.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------
Clive Gilmore chiede:
Vorrei conoscere la tua reazione in merito alla stella sulla Walk Of Fame di Las Vegas e al fatto che Priscilla, Lisa Marie e la EPE non vogliono avere niente a che fare con questa cosa e se è vero che la realizzazione di questa stella dipende una raccolta di soldi, da parte dei fans .
Inoltre ti chiedo: come pensi reagirebbe Elvis se sapesse che sono i fans a dover pagare la stella? Quale pensi sia la ragione per cui Cilla, Lisa e la EPE non vogliono sostenere e appoggiare questo tributo al Re di Las Vegas?

Marthy risponde:
La sola cosa che posso pensare di questa cosa è che siccome Bob Sillerman, il miliardario che ha comprato la EPE, tranne Graceland e la musica, sta sviluppando un grande progetto a Vegas, voglia tenere in sospeso la stella per poi, a progetto ultimato, poterla mettere davanti. Se, invece, il motivo non è questo allora penso che sia perché a Priscilla, a Lisa e alla EPE non interessa. Ma non voglio pensare che la ragione sia questa.
Personalmente io penso che se qualcuno vuole onorarti con una stella, un premio, un trofeo o altro, il “beneficiario” non dovrebbe pagare per averla. Che razza di tributo è questo!
---------------------------------------------------------------------------------------------------------
Chad chiede::
Voi ragazzi della Memphis Mafia siete ancora in contatto tra voi? Avete qualche progetto di visitare Graceland in futuro?

Marthy risponde:
Io sono ancora molto amico di Billy Smith, Lamar Fike, Red West e Sonny West e ci parliamo sempre al telefono. Viviamo tutti in città diverse, per cui è difficile incontrarci, anche se io vedo spesso Billy, perchè abitiamo abbastanza vicini.
No, non abbiamo in programma di andare a Graceland.
---------------------------------------------------------------------------------------------------------
James Freed chiede:
Io vorrei chiedere a Marthy se Parker, visto che era un clandestino, all’insaputa di Elvis, abbia mai cercato di diventare cittadino legale in US.
Ho letto su Internet che era solito dire che era del West Virginia, ma anche che non voleva uscire da USA perché non aveva il passaporto americano. Ora mi chiedo, quando Elvis fece uno show a Vancouver, che scusa ha dato ad Elvis per non andare ed è vero che rimase a Washington? Grazie

Marthy risponde:
Dal momento che nessuno di noi sapeva che il Colonnello era un cittadino illegale, non potevamo nemmeno sapere se abbia cercato di diventare legale.
Forse mi sbaglio, ma credo al tempo, per andare a Vancouver non fosse necessario il passaporto
---------------------------------------------------------------------------------------------------------
Mark Ritchie chiede:
Per cortesia, puoi dirmi se Elvis ha veramente chiesto a Ginger Alden di sposarlo o se tutto è stato inventato e anche se puoi dirci qualcosa di più in proposito.
Elvis ti ha mai parlato dei suoi fans in UK ed ha mai detto che avrebbe voluto andare in UK

Marthy risponde:
Io non c’ero gli ultimi 10 mesi, ma a quanto dice Billy Smith (che era con Elvis, al contrario di chiunque altro dica di esserci stato) Elvis disse a Ginger che si sarebbero sposati, ma come disse a Billy una sera “non ho detto quando”, cosa che nel linguaggio di Elvis significava che non l’avrebbe sposata.
In quel particolare momento della sua vita, lei per Elvis, non era nient’altro che un trofeo. Non avevano niente in comune. Lei era molto più giovane di lui ed era interessata a cose, per le quali Elvis non aveva alcun interesse. Infatti lei voleva andare in discoteca e ballare, mettendosi in mostra con suoi amici perché stava con Elvis.

Elvis era consapevole dei fans che aveva UK. Nei primi anni Albert Hand, che era il fondatore del più grande fan club in UK, andava ogni anno a trovare Elvis a Hollywood, quando era sul set. Era tutto organizzato dal Colonnello Parker.
Dopo la morte di Albert, il fan club è stato preso da Todd Slaughter, ma non ricordo che Todd abbia mai fatto come Albert.
In varie occasioni Elvis aveva espresso il desiderio di fare un tour in Inghilterra e in altri paesi, ma quest’idea veniva stroncata da Parker , ogni volta.
Quando Elvis era vivo, non sapevamo che era illegale e che non voleva lasciare il paese, per paura di essere scoperto, perdendo così il permesso di rientrare in USA.
---------------------------------------------------------------------------------------------------------
James freed chiede::
Io vorrei sapere che cosa pensi della EPE che non vuole aiutare per la stella nel Walk fo Fame di Hollywood.
Quello che voglio dire è che Elvis ha fatto molto per Hollywood e, prima di chiunque altro, per la televisione ha fatto 3 specials, oltre che essere apparso più volte in televisione e aver fatto 33 films.
La EPE dovrebbe fare qualcosa di nuovo in dvd per i fans, come “Elvis On Tour” e il ricavato potrebbe servire per la stella.
Cosa pensi direbbe Elvis sapendo che sono i fans a dover pagare la stella?

Marthy risponde: :
James, Elvis ha già una stella sul Walk Of Fame di Hollywood. C’è da molti anni!
----------------------------------------------------------------------------------------------------------
Jo Green chiede:
Secondo alcuni fan club ufficiali, Elvis non ha mai smesso di amare Priscilla e voleva risposarla.
Marthy tu c’eri, stavi seduto a tu per tu con lui e conosci il vero Elvis. E’ vera questa cosa e, se è così, pensi che Elvis sarebbe stato felice di avere Priscilla che tiene la casa sotto controllo?


Marthy risponde:
Sono sicuro che Elvis avesse ancora dei sentimenti per lei, ma non li ha mai manifestati. Era la madre di sua figlia. Lasciandolo per Mike Stone, lei lo ha ferito il suo ego ed Elvis non l’ha mai dimenticato.
Più volte disse a qualcuno di noi che se gli fosse successo qualcosa, non voleva che Priscilla avesse niente a che fare con il suo patrimonio.
Questo è il motivo per cui lei non c’è nel suo testamento.
Ecco perché, il padre di Elvis, Vernon si è sempre rifiutato di nominarla esecutrice del patrimonio, dopo la sua morte, nonostante lei lo abbia implorato per un bel po’ di tempo,.
Vernon sapeva che Elvis voleva che lei non avesse niente a che fare con la proprietà.
Lei prese Vernon in un momento di debolezza, sul letto di morte e fu così che nominò lei. Ma non era sola. L’unica ragione per cui nominò lei è Lisa. Insieme però nominò anche la National Bank Of Commerce, che era da sempre la banca di Elvis e Joe Hanks il commercialista della proprietà
---------------------------------------------------------------------------------------------------------
James Freed chiede::
Uno dei primi due libri che ho letto su Elvis è stato il tuo e poi “Elvis, What Happened)”
Ho anche letto su Internet che Red West, Sonny West e Dave Hebler hanno scritto il libro perché Vernon Presley li aveva allontanati e nel film “This is Elvis” Sonny West dice che hanno scritto il libro perchè si sentivano offesi per il fatto non sia stato Elvis in persona a licenziarli.
E’ questo il vero motivo per cui hanno scritto il libro oppure ci sono altri motivi?
Inoltre vorrei sapere se è stato chiesto anche a te di collaborare con il libro.

Marthy risponde: :
Ho risposto a questa domanda centinaia di volte.
Il motivo principale per cui hanno scritto il libro era per dare una scossa ad Elvis e fargli affrontare la realtà di quello che stava facendo a sé stesso.
Lo conoscevano abbastanza bene per sapere che renderlo pubblico era l’unica cosa che lo avrebbe fatto fermare e portato a prendersi cura di sè stesso, Questo è il motivo principale, ma non è l’unico.
E’ vero che erano offesi per essere stati licenziati dal padre, senza che fosse stato Elvis ad affrontarli. Red e Sonny erano insieme a lui da molti anni e l’hanno protetto e si sarebbero presi una pallottola per lui. Questo la dice lunga!
La vita è una strada a due sensi e dopo tutti quegli anni, Elvis aveva un dovere verso di loro che non era solo dargli un lavoro, ma anche di preoccuparsi per loro, visto che il rapporto era molto più che datore di lavoro/dipendente, come lo è stato per tutti noi originali della MM.
Eravamo tutti fratelli e questo Elvis lo diceva spesso.

Non mi è stato chiesto di far parte del libro e dubito che l’avrei fatto, quella volta.
Una cosa che non ho mai rivelato in pubblico prima, è che fui contattato da un autore molto famoso, per scrivere un libro su Elvis con lui e questo libro mi avrebbe fatto diventare ricco, visto il consistente anticipo che lui aveva chiesto alla casa editrice, per me. Ma io rifiutai perché lui aveva aggiunto “Voglio inserire tutto la sporcizia che riguarda Elvis”
Rispondi Citando
  #2  
Vecchio 18-09-2008, 17:34
hurt hurt Non in Linea
Elvis Golden Fans
 
Data Registrazione: 03 2006
Locazione: a casa mia
Messaggi: 12.666
Predefinito Re: Mathy Lacker riponde ai fans

Paul Terry King chiede::
Ho appena finito di leggere su internet le ultime volontà di Elvis Presley e il testamento, dopo aver letto il tuo commento in cui dici che Elvis lasciò Priscilla fuori dalle sue volontà.
Non poteva scrivere canzoni, ma sicuramente era in grado di scrivere le sue volontà come un esperto contabile ebreo, vero Marthy? Lol

Al paragrafo 5 ha provveduto per Lisa e dal momento che viveva con sua madre, credo che Elvis abbia inteso di includere anche lei., perché lei avrebbe potuto usare parte di quel denaro per costruire l’organizzazione che c’è oggi.
Non fraintendermi, io non sto difendendo la EPE e la CKX, perché anche io potrei essere una pecora nera nei confronti delle associazioni legate ad Elvis, ma guardando alle mie vendite di dischi delle canzoni che Elvis ha scritto con me, direi che potrebbero esserci molti fans di Elvis, al mondo, che vorrebbero vedere un grande show come questo e conoscere anche canzoni originali di Elvis.
Tutto quello che la EPE ha fatto con queste canzoni è stato acquistarle e archiviarle.

Marthy risponde:
Elvis non ha scritto le sue volontà, bensì lo ha fatto il suo avvocato Beecher Smith in combutta con Vernon Presley. Tutto quello che ha fatto Elvis è spiegare cosa voleva nelle sue volontà e questo prevedeva che Priscilla ne fosse tagliata fuori.
Per quanto riguarda aver lasciato tutto a Lisa e in questo modo aiutare anche Priscila, non faceva parte delle intenzioni di Elvis.

Suo padre, sul letto di morte, alla fine ha finito con il nominare lei come esecutore dopo la sua morte. Ha anche nominato la National Bank of Commerci e il commercialista Joe Hanks. Vernon non aveva fiducia in lei per metterla come unico esecutore.
La gente le dà i meriti per il successo di Graceland, ma, in realtà, è stato il Consiglio di amministrazione della banca e Jack Soden che l’hanno permesso.
Tuttavia io ho sempre detto che anche lo scimpanzé, Scatter, avrebbe potuto aprire Graceland e avrebbe fatto i soldi.

E’ tutto merito di Elvis…………. NON di Priscilla o Lisa o chiunque altro.

Elvis non ha scritto le sue volontà così come non ha scritto quelle canzoni con te.

Non mi interessa tornare sull’argomento con te e con le tue argomentazioni, perciò non perdere altro tempo. Tu ed io e il resto della Memphis Mafia sappiamo qual è la verità
Il problema è che quelle persone che hanno buttato merda su di loro e su Elvis, è perchè si sono dimenticati che alcuni di noi sono ancora là, che erano molto vicini a lui praticamente ogni giorno e noi sappiamo bene che cosa lui ha fatto e cosa non ha fatto.
--------------------------------------------------------------------------------------------------------
Paul Terry King chiede::
Il 16 agosto 1977, Elvis aveva nella sua testa più di quello che c’è nel povero libro della MM
Doveva testimoniare contro la vera gentaglia nel tribunale di Memphis e i testimoni dovevano essere ascoltati quello stesso giorno, oltre a dover iniziare un altro sfiancante tour.
Non ha fatto nessuna delle due cose……..Stava per raccontare ai fans delle pillole e da chi le prendeva. Non è vero Marthy? E non era tutto da parte del Dr. Nick, come oggi siamo tutti portati a pensare. Soprattutto nei primi anni. E questo non si sarebbe potuto definire un successo.

Marthy risponde: :
Probabilmente, dopo questa risposta, non ti risponderò più perchè, veramente, non sono più interessato a dare la mia attenzione a persone bugiarde come te.
Elvis NON doveva testimoniare sull’affare dell’aereo e nemmeno ha mai scritto canzoni con te. Tu insisti nel far perdurare questo mito di gentaglia dietro di lui!! TUTTE STRONZATE!!!!

Sì King, alcuni della MM in farmacia utilizzavano le ricette di Elvis, ma non eravamo noi a compilare le ricette. LO FACEVANO I MEDICI!!
Tu hai fatto più danni alla memoria di Elvis con le tue rivendicazioni telefoniche che grazie qualsiasi altra cosa di cui è accusata la MM.
Ora perché non torni da dove provieni e cerchi, per una volta nella tua vita, di scrivere un successo così tutti possiamo darti la credibilità che pretendi di avere e dimostri e rivedi quella tua testa piena di fantasie

------------------------------------------------------------------------------------------------------
Leslie Faith King chiede::
So che hai un piccolo cuore dentro di te, perchéin passato, in un altro sito, ho letto i tuoi auguri e la tua preoccupazione per me, quando mi sono perso in Oklahoma. Ricordi?
Auspico che questa animosità tra voi si possa dissipare, visto che entrambi amate lo stesso Elvis ed avete lavorato insieme nello stesso studio quando registrò a Memphis, ricordi?
Lui conosce ancora molte canzoni che furono scritte là e che non sono mai state ascoltate o registrate. Io sono nato l’anno in cui Elvis è morto. Ricordo la canzone del girotondo che ha fatto parte della mia infanzia e che papà ha sempre detto di averla scritta con Elvis, in California!

Mio padre vuole sapere quanto chiedi e quanto hai già ricevuto per la pagina della Bibbia di Elvis che hai messo su ebay, la settimana scorsa Mr. Lackershim?
E non pensi che sia un po’ un’illusione offrirla per 500 dollari? Grazie

Marthy risponde:
Sono contento che tu sia stato ritrovata dopo esserti persa!
E’ vero, per alcuni anni ho lavorato agli American Studios e io sono quello che disse ad Elvis di registrare là, quando fece Suspicious Mind e altre canzoni.
Tuo padre afferma che, durante quella session, lui scrisse una canzone con Elvis, ma non è vero. Io ero là con Elvis, ogni sera della session e tuo padre non c’era mai perché era una session a circuito chiuso.
Lui afferma anche di aver scritto una canzone con il produttore Chips Moman che era il proprietario dello studio.
L’anno scorso, parlando con Chips, raccontandogli cosa dice tuo padre, Chips mi ha detto di non aver mai scritto niente con tuo padre. Ha detto di aver firmato a tuo padre un contratto come autore, solo perchè pensava che il co-autore di tuo padre era un buon scrittore di canzoni, ma che ben presto li ha allontanati perché non erano mai riusciti a scrivere niente.
Tuo padre ha anche detto che Elvis andò a fare due passi nel suo studio a L.A. e rimasero seduti insieme, bevendo una bottiglia di vino e scrivendo canzoni, parlando anche dei loro divorzi.

Prima di tutto, Elvis non andava da nessuna parte da solo senza portarsi dietro almeno uno dei ragazzi e i ragazzi hanno detto di non essere mai andati in quello studio. Gironzolare in uno studio di registrazione non era qualcosa che Elvis faceva.

Seconda cosa, Elvis non beveva! Soprattutto vino!

Ultimo, ma non ultimo, mai e poi mai Elvis avrebbe parlato del suo divorzio con un estraneo. Non era nella sua natura.

Ti auguro ogni bene, ma non discuterò più con te. E’ una perdita di tempo e non è educato per gli altri visitatori del sito.

Per quanto riguarda la pagina della Bibbia, io non ho messo in vendita una pagina della Bibbia che abbiamo regalato ad Elvis nel Natale del 1964, perché quella Bibbia è intatta a Graceland. Fare una cosa simile è di pessimo gusto per chiunque. E quello non sono io.
Io ho offerto una fotocopia del MIO disegno originale dell’albero. Quel di segno è di mia proprietà ed è una cosa che ho conservato per 44 anni.

Sto iniziando a pensare che sotto il nome di sua figlia, sia Paul che scrive e quindi non risponderò più! Ciao Ciao
----------------------------------------------------------------------------------------------------------
Kevin chiede:
voglio fare solo una considerazione in merito alla mail di Marthy Lacker a Paul Terry King.
Peter afferma di aver scritto alcune canzoni con Elvis e la cosa fa sorgere spontanea una domanda: dal momento che lui non può provarlo, si può dire anche che non si può provare il contrario al 100%.
Personalmente io non ci credo, perchè è una cosa non mi suona corretta e perché nessuno e in nessun libro sulla musica di Elvis, non si è mai parlato di queste canzoni.
Se vi va, chiamatemi pure “uomo di vecchio stampo”, ma il commento di Mr. Lacker “hai fatto più danni alla memoria di Elvis con le tue rivendicazioni telefoniche che con qualsiasi altra cosa di cui è accusata la MM”. Apparentemente questo sembra corretto! Perciò le canzoni di PTK, che lui afferma di aver scritto con Elvis, includono i versi “Non mi lavavo” oppure “guardo le ragazze che si spogliano attraverso uno specchio” ecc. ccc? (Rivelazioni dal contante ”incassato sul mio amico”) NO!!!

Mr. Lacker ha una memoria corta, cattiva o inesistente e questo mi fa saltare il sangue.
Credo che Mr. Lacker abbia lavorato nel nuovo film di Sonny West, di cui è grande e vecchio amico!!

I remix? Ad Elvis non sarebbero piaciuti … mmmmmmmmm. Che cosa farebbe adesso questo vecchio amico?
Scrivere un libro per aiutare il mio amico!, sembra una cosa buona, ma dopo 30 anni la gente ne ha le scatole piene, credimi. Mr Lacker è stato pronto a far uscire un libro SUBITO DOPO la morte di Elvis. Dove sta l’aiuto?

Le uniche persone vere che stanno ancora lottando per Elvis sono i fans, quegli onesti, adorabili fans che lavorano duro.

Marthy risponde:
Kevin, ti auguro una lunga vita felice piena di salute.
Forse un giorno sarai meglio informato su Elvis e io e la MM. Tuttavia so che sarà difficile perché non hai mai passato un secondo con nessuno di noi e, pertanto non sai di cosa parli.

Sarebbe buona cosa per te se gestissi meglio il tuo odio e imparassi a rispettare gli altri, Esiste anche un modo elegante per fare le domande o fare commenti
Rispondi Citando
  #3  
Vecchio 18-09-2008, 17:38
hurt hurt Non in Linea
Elvis Golden Fans
 
Data Registrazione: 03 2006
Locazione: a casa mia
Messaggi: 12.666
Predefinito Re: Mathy Lacker riponde ai fans

Ancora Kevin che chiede :
Naturalmente hai ragione quando dici che non ho mai incontrato Elvis e nessuno della MM.
Ho molto rispetto per te e per la vita che hai fatto con lui. Io non c’ero ma credo di essere abbastanza intelligente per capire che non è stato un percorso facile.
Pur se ho molto rispetto per te, continuo a pensare che anche tu hai avuto i tuoi problemi.
Tuttavia non ho alcun rispetto per il tuo coinvolgimento nei libri scritti dopo la morte di Elvis.
Ero e sono un fan di Elvis. Questo significa che amo la sua voce, la sua musica e l’artista.
Non ho conosciuto personalmente né l’uomo né la sua vita e, visto che avete passato molto tempo insieme, la sua vita personale era sua e tua.
La sua vita personale non avrebbe mai dovuto essere resa di dominio pubblico, ma avrebbe dovuto rimanere privata.
Se gli idioti di questo paese si vogliono divertire con Elvis, raramente è per il suo talento come perfomer, ma si attaccano ai suoi problemi personali.
Tutto questo è generato da questi libri che sono usciti, alcuni dei quali erano inserti dei tabloids.
Non ho rancore verso di te, perché non ti conosco, ma mi auguro tu non abbia niente a che fare con questi libri che hanno contribuito a questa situazione.
Questo argomento piuttosto delicato è scaturito da un tuo commento a Paul Terry King in merito ai danni alla memoria di Elvis, e la tua risposta mi ha dato sui nervi
Mi scuso con te, senza riserve, per la cattiveria nei miei commenti.
Sono molto legato ad Elvis, perchè ha dato ai suoi fans molta felicità e grandi momenti e questo continua ancora oggi. Credo che, in suo ricordo, avrebbero dovuto avere maggior rispetto concentrandosi solo sull’artista, sul suo talento e quello che ha dato al mondo piuttosto che scavare ancora e ancora su tutti i suoi difetti.
E’ la mia opinione vista dall’esterno e riguardo ai miei commenti precedenti, come reazione istintiva, alla fine credo tu volessi bene a quest’uomo. Ti auguro ogni bene

Marthy risponde:
Che differenza di porti! Era così difficile?
Quello che io chiedo, come chiunque altro, è che le persone siano rispettose e ti garantisco che adesso lo sei stato. Quando qualcuno fa il contrario io ho due reazioni: o lo ignoro oppure dò loro la stessa medicina
Apprezzo le tue scuse e rispetto la tua opinione.
Come ho detto prima rispetto ad Elvis, lui è un’icona storica e come per molte icone storiche si è scritto molto, sia dei fatti personali che delle cose che hanno fatto nella loro vita dando un contributo alla società.
Secondo me, lo scopo di colui che scrive è questo e ti posso assicurare che scrivendo un qualsiasi libro o facendo qualsiasi intervista NESSUNO DI NOI ORIGINALI della MM ha mai voluto danneggiarlo.
Nella storia, molto raramente è successo che una persona abbia attirato centinaia di milioni di persone in tutto il mondo, come ha fatto lui e per loro è importante capire di più la persona e la sua vita.
Tu non la pensi così perché, come tanti fans, vorresti che lui, io e noi siamo come tu ci vuoi, non come siamo o eravamo.
Sfortunatamente la vita non va in questo modo!!
C’è una cosa che io ho detto, non una ma 20 volte, e cioè che qualsiasi cosa venga scritta su di lui, questo non dovrebbe cambiare il modo di pensare sulla sua musica e sul suo talento e questo dovrebbe quello di cui dovresti continuare a gioire.
Credimi quando ti dico che, quando i media vogliono prendersi gioco di Elvis, non è per quello che scriviamo noi nei libri, bensì per gli impersonators e i cosiddetti artisti che fanno i tributi indossando jumpsuits, parrucche e alzano il labbro. Sono queste persone, che non assomigliano per niente ad Elvis e che non hanno un briciolo del suo talento e del suo carisma. Sono solo pagliacci!!!!
Quando ho fatto quell’affermazione su King, è perchè da quando Elvis è morto ce ne sono stati a centinaia che, come lui, se ne escono con queste balle su di loro ed Elvis. Sono sempre stato uno che ci tiene molto alla verità, soprattutto se questa riguarda Elvis.
La verità è la prima cosa da scrivere su un’icona. A questo si aggiunge il fatto che io amo troppo Elvis come un fratello per permettere a qualcuno che, davanti ai suoi fans o ad un pubblico in generale, ne faccia una parodia.
Se hai letto i due libri che ho scritto vedrai che la stravolgente maggioranza delle cose che ho detto di quegli anni sono buone, positive e alle volte sono cose divertenti. Sembra che tanti fans vogliano concentrarsi su quelle cose che ritengono brutte, ma non necessariamente lo sono. Sì, si tratta della mia vita come si tratta della vita dei ragazzi e se leggi i miei libri troverai che io racconto anche cose personali MIE
Tuttavia, per come io la vedo, se posso parlare di lui, devo essere capace di rivelare cose che riguardano anche me stesso. Come hai detto tu, io ho avuto problemi e ringraziando Dio, li ho superate, contrariamente a lui.
Ancora una volta ti dico che apprezzo la tua opinione e rispetto il fatto che hai diritto di averla.
---------------------------------------------------------------------------------------------------------
.
Dave chiede:
C’erano canzoni che Elvis voleva incidere, ma per politiche di pubblicazione, non gli è stato permesso?
Inoltre, hai qualcosa che Elvis ti ha dato non venderai MAI, qualsiasi cosa accada?
Grazie per tutto quello che fai

Marthy risponde:
Elvis voleva registrare due canzoni di Dolly Parton e precisamente, "I Will Always Love You" e "Coat Of Many Colors" ma quando Parker andò a parlare con Dolly, raccontò ad Elvis che lei non diede il permesso. Invece questa è una bugia.
Entrambe le canzoni erano state pubblicate da Dolly prima che lui le chiedsse, per cui Elvis avrebbe potuto inciderle senza la sua autorizzazione.
Quello che Parker non gli disse è che voleva che Dolly gli pagasse una percentuale sui diritti di pubblicazione e siccome lei rifiutò, Parker stroncò la cosa.
Dolly è una brava persona e preparata negli affari., ma come gli altri, è anche creativa e di quelle che non chiedono a nessuno di fare qualcosa di loro proprietà, ma soprattutto non vogliono che nessuno chieda loro soldi per ciò che è di loro proprietà. Chips Moman era uguale.
Quando anche Whitney Houston registrò “I Will Always Love You” divenne un successo enorme. Molto astutamente Whitney non chiese niente a nessuno per la pubblicazione.

Sì ho un paio di cose che dubito darei ad altri, anche se, nella mia mente, le cose che conservo non sono quelle materiali.
----------------------------------------------------------------------------------------------------------
Dave chiede:
Dopo le affermazioni di Paul Terry King dove dice che ha scritto canzoni con Elvis, sono andato a vedere il sito della BMI, per verificare per quali canzoni ci sono dei crediti ad Elvis.
In un post precedente ho citato una canzone che si chiama 'Space Jungle' di Otis Blackwell, per la quale sono indicati crediti ad Elvis.
Hai notizie a riguardo? Inoltre, sai se il Colonnello riceveva i crediti di co-autore per Elvis, per le canzoni che portava alle session o solo per quelle che registrava veramente?
So che molti autori rinunciavano ad una parte delle loro composizioni, così Elvis avrebbe potuto registrarle. Naturalmente questo avveniva per insistenza del Colonnello Parker.
Grazie Marthy per la tua onesta e la risposta diretta.

Marthy risponde:
No, per quanto ne so io quando Elvis non registrava una canzone, il Colonnello non riceveva crediti di co-autore per conto di Elvis. Dubito che ci sia un autore di canzoni così stupito da accettare una cosa simile. Se fosse successo, sarebbe anche stato estremamente ingiusto e io so che Elvis non l’avrebbe accettato
----------------------------------------------------------------------------------------------------------
James Freed chiede:
Vorrei sapere che cosa pensi del film Graceland to Memphis in cui recita Sonny West

Marthy risponde:
Ho visto il trailer e questo film va oltre ogni parola.
Come ho già detto prima cosa penso degli impersonators e questo non è altro che un pessimo tentativo di fare un film su Elvis. Non so se descriverlo come una farsa o un film dell’horror.
Per quanto riguarda la presenza di Sonny West nel film, lui fa solo una piccola parte, ma certamente non me la prederò con lui, perché è semplicemente un attore assunto per questa particina. Sono sicuro che ha le sue ragioni per averlo fatto.
So che aveva detto che voleva riprendere a recitare e, probabilmente, ha accettato questa parte per rimettersi in circolazione ad Hollywood.
Anni fa ha fatto dei film dove ha recitato molto bene e sono film che non hanno niente a che fare con Elvis.
---------------------------------------------------------------------------------------------------------J
ames Freed chiede::
Ho una domanda a proposito dello Special Elvis 68 Comeback. Ho letto che originariamente lo show doveva essere uno show natalizio, ma che Elvis ha cantato solo una canzone natalizia e questo fu fatto per compiacere la moglie di Parker.
La mia domanda è se Elvis avesse fatto uno special natalizio come voleva il Col. Parker, pensi che sarebbe stato un grande ritorno oppure pensi che avrebbe fatto un secondo show entro l’anno?
Ho letto anche che Elvis pensava che il black leather suit che indossava, gli desse un aspetto alquanto bizzarro. E’ vero?

Marthy risponde: :
Se Elvis avesse fatto uno special natalizio come voleva Parker, nessuno ne avrebbe parlato come si sta facendo da 40 anni.
Probabilmente non sarebbe stato chiamato il Comeback Special perché non avrebbe avuto lo stesso impatto.
Parker se ne doveva stare fuori da qualsiasi decisione in merito alla musica, perché la sua conoscenza della musica era nulla. Lui teneva conto di ciò che un truffatore può tenere conto.
Per quanto riguarda il black leather suit, l’unico commento che Elvis fece era che sotto i riflettori aveva un caldo da morire. Secondo me il black leather suit è stata la parte migliore dello show, perchè era il vero Elvis, mentre le altre parti dello show erano scadenti tanto quanto i suoi film musicali.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------
Johnny Miller chiede::
Ho letto in un altro sito che Larry Geller ha scritto un nuovo libro e ci sono persone a cui è piaciuto molto e l’hanno riempito di complimenti!
Marthy, noi fans quanto dobbiamo credere alle storie che racconta Larry Geller?

Marthy risponde: :
Non ho letto il nuovo libro di Larry e non so cosa c’è scritto. Nell’altro suo libro ha scritto delle verità ed ha anche scritto cose che non sono vere

Ultima Modifica di hurt : 18-09-2008 17:42
Rispondi Citando
  #4  
Vecchio 18-09-2008, 17:40
carmen carmen Non in Linea
Elvis Golden Fans
 
Data Registrazione: 07 2008
Messaggi: 1.721
Predefinito Re: Mathy Lacker riponde ai fans

Quote:
hurt Visualizza Messaggio
..........Una cosa che non ho mai rivelato in pubblico prima, è che fui contattato da un autore molto famoso, per scrivere un libro su Elvis con lui e questo libro mi avrebbe fatto diventare ricco, visto il consistente anticipo che lui aveva chiesto alla casa editrice, per me. Ma io rifiutai perché lui aveva aggiunto “Voglio inserire tutto la sporcizia che riguarda Elvis
Detto questo ....detto tutto!!!!!!
E' chiaro che la sporcizia fa fare $$$$$$$$
Rispondi Citando
  #5  
Vecchio 18-09-2008, 17:43
hurt hurt Non in Linea
Elvis Golden Fans
 
Data Registrazione: 03 2006
Locazione: a casa mia
Messaggi: 12.666
Predefinito Re: Mathy Lacker riponde ai fans

Christy chiede:
E’ così rinfrescante avere il tuo punto di vista su certi argomenti, anziché sentire le solite vecchie storie dalla EPE, Priscilla (sulla quale condivido tutto quello che tu hai detto di lei) e Lisa.
Visto che è così cattiva con quello che dice di alcuni membri, non mi stupirei se dietro l’opinione di Lisa sulla MM non ci fosse Priscilla e anche mia moglie la pensa così.

La mia domanda scaturisce da un’intervista con Kathy Westmoreland, nella quale lei afferma che Elvis, (prima dell’agosto 1977) ha avuto 3 attacchi di cuore e un cancro alle ossa, oltre che altri disturbi.
Lei dice anche che nessuno di questi problemi è stato reso pubblico perché Elvis non voleva pietismi quando era in tour.

Non ho idea di quanto tu sappia circa la sua salute, ma non mi risulta che nessun altro della cerchia di Elvis abbia fatto affermazioni di questo tipo sulla salute di Elvis.
Sei a conoscenza di quello che racconta Kathy?
Apprezzo che tu ci dedichi il tuo tempo per dare una svolta alla mala informazione che persevera da parte di coloro che non hanno a cuore l’interesse di Elvis.

Marthy risponde:
La povera Kathy ha una forte immaginazione……. Per quanto riguarda il cancro alle ossa, credo abbia sentito questa stupidaggine da Larry Geller, Charlie Hodge o Dick Grob. E’ vera spazzatura ……….. Lei dice che l’ha saputo da Elvis e il suo medico?
Come prima cosa, il suo medico si sarebbe trovato in seri problemi di etica professionale per aver rivelato informazioni mediche personali di un paziente. E’ illegale.
Per quanto riguarda il fatto che sia stato Elvis a dirglielo, se l’ha fatto (cosa che dubito), probabilmente è stato per darle una motivazione del fatto che prendeva antidolorifici come il Dilaudin, che viene dato ai malati di cancro. Potrebbe essere stata una copertura che Elvis ha usato, per mascherare il perché prendesse quelle pillole.
La verità a riguardo è che, dopo la morte di Elvis, Vernon Presley pensava che ci fosse una fuga di notizie da Graceland, da parte di Charlie (Hodge) e (Dick) Grob. Così chiese a Billy Smith di dire che Elvis aveva il cancro alle ossa, per vedere se l’informazione veniva divulgata. Fatto sta che, in breve tempo, l’informazione è tornata da Vernon tramite qualcun altro…….. Charlie fu fatto correre e anche Grob fu mandato via per questo motivo e anche qualcos’altro……… Vernon avrebbe dovuto usare qualcos’altro, anziché parlare di cancro!

Per quanto riguarda gli attacchi di cuore, è un discorso insensato e non ho idea da dove le arrivi quest’informazione. Posso dirti che se fosse stato vero, ci sarebbero stati due o tre di noi che l’avrebbero saputo, ma noi non l’abbiamo mai sentita.
---------------------------------------------------------------------------------------------------------
James Freed chiede::
In merito al particolare rapporto tra Elvis e il Colonnello, ho letto qualcosa a proposito di interpretazioni cinematografiche che lui avrebbe rifiutato. Ad esempio ad Elvis era stato offerto il ruolo in A Star Is Born, ma, secondo quanto ho letto, Parker avrebbe detto che, nella locandina, Elvis Presley non doveva essere messo secondo a nessuno.
Anche per film come “West Side Story”, “Thunder Road” (che Robert Mitchum aveva scritto per Elvis), “ The Rainmaker” “Midnigh Cowboy” ed altri, ho letto da qualche parte che Elvis Presley voleva anche una parte in “The Godfather”. Sai quale parte?

La mia domanda è: se Elvis avesse fatto questi films, pensi che avrebbe continuato a recitare?
Ho anche letto che gli era stato offerto del denaro per interpretare la biografia di “Rodolfo Valentino”, ma che lui ha rifiutato.

Inoltre volevo sapere se, alla fine dei contratti con il cinema, Elvis e il Col. Parker hanno mai cercato di prendere strade separate. Secondo me se Elvis Presley avesse fatto più film, probabilmente avrebbe fatto meno tour e si sarebbe mantenuto più in salute. E’ solo la mia opinione, ma tu che ne pensi?

Marthy risponde:
Al Colonnello non piaceva che la gente andasse direttamente da Elvis, come fecero Barbra Streisand per “A Star Is Born” e Robert Mitchum per “Thunder Road”

Quando qualcuno aveva queste iniziative, Parker parlava male del progetto perché voleva avere tutto sotto il suo controllo. Aveva paura che qualcuno parlasse dell’aspetto riguardante il business con Elvis in quanto Elvis avrebbe potuto scoprire cosa stava facendo il suo manager e l’avrebbe sostituito.

Hanno avuto una grossa lite nel ’74 a Las Vegas, dove praticamente si erano lasciati, ma, per colpa di suo padre, Elvis si riprese Parker. Questo fu un grande errore!

----------------------------------------------------------------------------------------------------------
James Freed chiede::
Secondo te, Elvis Presley avrebbe fatto un film tutto suo, imperniato sulla sua carriera?
Ho letto in un libro che se avesse scritto un libro l’avrebbe chiamato “Through My Eyes”.
Pensi che Elvis ne avrebbe diretto il film?

Marthy risponde:
Dubito che Elvis avrebbe fatto un film sulla sua vita, ma credo avrebbe diretto un altro genere di film. Ha sempre voluto essere un attore drammatico, ma il Colonnello Parker lo ha stroncato facendogli fare i film che ha fatto, in cui cantava canzonette e che praticamente erano dei documentari musicali.

Per quanto riguarda l’aver voglia di scrivere un libro sulla sua vita, è una cosa che non gli ho mai sentito dire
----------------------------------------------------------------------------------------------------------J
ames Freed chiede:
Visto che sono stati fatti tanti film e scritti tanti libri su Elvis, pensi che lui ne sarebbe stato contento?
Il mio film preferito è “Elvis The Movie” con Kurt Russel ed è stato anche il primo che ho visto su Elvis.
Ho visto anche “Elvis and Me” ma credo che “Elvis The Movie” racconti qualcosa in più, per cui un fan può imparare altro sulla carriera di Elvis Presley

Mi è anche piaciuto “This Is Elvis” che ora ho in dvd. Pensi che, nel film, avrebbero dovuto far vedere il piano superiore di Garceland?
Quale di questi film pensi che sarebbe piaciuto ad Elvis?
Marthy risponde::
Penso che gli sarebbero piaciuti dei pezzetti di ogni film fatto su di lui, ma nessuno ha veramente catturato la vera essenza di Elvis e della sua vita.
Posso dirti che, come nel suo libro, Elvis and Me, lo scopo di Priscilla era scrivere un libro su di lei e non su Elvis. E come tutto quello che ha fatto da quando Elvis è morto ed è concentrato su di lei
---------------------------------------------------------------------------------------------------------
Arun Jassi chiede:
Ci sono alcune persone di colore che ritengono che “American Trilogy” di Elvis sia offensivo quando canta “Dixie” e la storia legata a questa canzone.
Quando Elvis decise di fare “American Trilogy” tenne conto della sensibilità dei neri e che significato aveva per lui?

Marthy risponde:
Non ricordo che sia stato detta questa cosa.
Il fatto è che per come è stata composta “American Trilogy” da Meckey Newberry, rappresenta tutta l’America ed è per questo che Elvis la cantava.
“Dixie” rappresenta tutto il sud, senza per questo sottintendere l’oppressione dei neri.
Ci sono molte persone di colore, soprattutto tra i giovani artisti di oggi, che ritengono che Elvis fosse razzista solo perché arrivava dal sud. E’ ridicolo!. Niente di più lontano dalla verità! Pensarla in questo modo significa che, invece di avvicinare la gente, il razzismo e le divisioni non finiranno mai. D’altro canto c’è molta gente di colore a cui Elvis è sempre piaciuto.
Rispondi Citando
  #6  
Vecchio 18-09-2008, 17:48
hurt hurt Non in Linea
Elvis Golden Fans
 
Data Registrazione: 03 2006
Locazione: a casa mia
Messaggi: 12.666
Predefinito Re: Mathy Lacker riponde ai fans

Arun Jassi chiede:
Ho visto molte foto in cui Elvis è con celebrità e amici di colore, ma non ne ho vista nessuna con James Brown. Da tutti i commenti positivi che ho letto essere stati fatti da James su Elvis e i segnali di rispetto verso Elvis che ha sempre espresso nei suoi concerti (ho visto 7 suoi concerti) dimostrano che James amasse e rispettasse Elvis veramente.
James ha anche messo a tacere le voci che ad Elvis non piacevano i neri e quel famoso episodio del “lustrascarpe”.
Persino nella sua biografia James parla di Elvis e di quanto gli abbia fatto male la sua morte.
La mia domanda è: Ci sono foto di Elvis e James fotografati insieme? Se non ce n’è è una GRANDE VERGOGNA, perchè erano entrambi due grandi leggende viventi.
Poi ho letto in un’Enciclopedia su Elvis, che avrebbe voluto registrare con la band di James Brown, ma che il Colonnello Parker pose il veto. E’ verò?

Marthy risponde:
James ed Elvis si conoscevano, ma non erano poi amici così grandi, come invece Elvis lo era con altri artisti di colore, quali BB King, Bobby Blue Bland e Jackie Wilson con i quali aveva un vero rapporto di amicizia.
James ha sempre esagerato sulla sua amicizia con Elvis e nel mio libro, scritto con Lamar Fike e Billy Smith racconto nello specifico un incidente in cui James parla di Elvis in modo spiacevole con me e io lo riprendo, finendo poi la discussione chiamandomi razzista. Chiunque mi conosca sa, nella mia vita non sono mai stato razzista.
Quando qualcuno gli diceva che stava sbagliando, James usava sempre la carta del razzismo. Conosco alcune persone che hanno lavorato con lui e che dicono che era terribile lavorare per James. Invece Jackie Wilson era l’esatto opposto ed io e lui siamo diventati buoni amici.
Non ho mai sentito che Elvis abbia espresso il desiderio di registrare con la band di James
----------------------------------------------------------------------------------------------------------
Carol e Brenda chiedono:
Chi insegnò a suonare il pianoforte ad Elvis?
Se ne parla in molti libri, ma si parla solo delle persone che, da bambino, gli hanno insegnato a fare gli accordi di chitarra e abbiamo letto che Elvis non sapeva leggere la musica, per cui supponiamo che sia stato prevalentemente un autodidatta.
Sai dirci qualcosa?
Grazie per trovare il tempo di rispondere a tutte le domande

Marthy risponde: :
Dite bene. Prima di tutto Elvis ha imparato da solo a suonare il piano. Conosceva gli accordi di base e più suonava, più imparava.
Confrontato con un vero pianista era così così, ma suonava il piano abbastanza bene.
In realtà funziona come la chitarra. Molte persone si prendono il merito di avergli insegnato a suonare la chitarra. In realtà chi glielo ha insegnato è stato un suo zio, da parte di sua madre. Il suo predicatore di Tupelo si prende il merito, così come Vester Presley ma non sono certo siano stati loro ad insegnarglielo.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------
Robert Man chiede:
Grazie per trovare il tempo per rispondere alle nostre domande! Oggi è molto raro trovare qualcuno che presta attenzione a quello che pensano i fans!!
Io vorrei conoscere la tua opinione sui remix. Elvis è il miglior cantante che ci sia stato e quello che ha saputo ottenere il miglior sound.
So che molte persone sono contro i remix, ma Elvis è morto e non registra più niente, oltre al fatto che ci sono state molte volte in cui Elvis si è arrabbiato molto per il sound messo nei suoi dischi.
Elvis guardava molto al futuro, ma i suoi fans lo relegano nel passato.
Durante il Comeback 68 Special gli venne chiesto della musica e lui rispose che era stata perfezionata “il suono è stato migliorato, la tecnologia è stata migliorata” ……….. Tenendo conto del grande successo che nel 2002, è stato il remix di “A Little Less Conversation”, pensi che si riuscirebbe a catturare ancora il successo con un intero album di remix?
L’album Elvis 30#1 hits ha venduto oltre 16 milioni di copie e molto ha inciso la presenza di “A Little Less Conversation”.
Secondo te Elvis sarebbe contento che la sua musica viene remixata e perfezionata oppure vorrebbe lasciarla così com’è?


Marthy risponde:
Io non sono un fan dei remix, anche se alcune canzoni e registrazioni che lui ha fatto non erano all’altezza del suo talento, soprattutto le canzoni dei film.
Non credo che si faccia bene ad incasinare la sua musica.
Era Elvis che dava la sua approvazione alla registrazione finale per farla uscire e dovrebbe rimanere così com’è.
Non sono nemmeno d’accordo che si mettano sul mercato delle alternate takes, perché se fossero state buone sarebbero state pubblicate come disco.
So che ad Elvis questo non piacerebbe.
Non avrebbe nemmeno approvato che la RCA facesse quello che sta facendo, pur di spillare ogni penny dai fans. Questa è una cosa per la quale Elvis si sarebbe arrabbiato moltissimo
----------------------------------------------------------------------------------------------------------
Mark Ritchie chiede:
Io ho solo una cosa da chiederti in merito alla tua risposta su Lamar.
Nel 1976, qui in UK giravano solo foto del 1973. Non so se è da attribuire al Colonnello, ma se sì devo dire che ha fatto bene a nascondere il vero Elvis in UK
Fino a che la stampa non ha parlato del libro dei West, non si sapeva niente del peso di Elvis e delle sue malattie. Per me, quando vidi 1 o 2 foto (fine ’76, primi ’77) fu uno shock vederlo sovrappeso, anche se comunque non era ancoracosì male.
Negli albums che circolavano, come “From Elvis Presley Boulevard” c’erano 75 foto, “Welcome to my World” riportava un disegno e nel suo ultimo album “Moody Blue” era bello da vedere.

Per quanto riguarda James Burton e Ronnie Tutt sono d’accordo con te che oggi fanno un buon lavoro, e che sono famosi. Ma secondo te lo sarebbero altrettanto se non avessero lavorato con Elvis? Io non credo (almeno non in UK)

Marthy risponde:
Il Colonnello faceva i soldi per sè vendendo le foto delle copertine degli album alla RCA e, per quanto ne so, non divideva quei soldi con Elvis.
E’ logico che dava loro solo foto in cui Elvis era bello, cosa che è stata fino agli ultimi 6/7 mesi della sua vita.

Il peso di Elvis era fluttuante, ma per la maggior parte del tempo era in forma.
Le pillole e la sua malattia, che secondo me era causata dalle pillole, non hanno iniziato ad avere dei riflessi estetici se non negli ultimi mesi di vita.
L’ultima volta che ho visto Elvis è stato in Luglio 1976, perché in quel periodo iniziava ad allontanare i ragazzi della MM originali. In giugno 1977, parlando con Joe a Los Angeles, disse che Elvis era tutt’altro che in forma e Billy mi disse la stessa cosa. L’ultima volta che parlai con Elvis (dopo essermi trasferito con la mia famiglia in California per potermi allontanare da tutto), fu al telefono, nel luglio del 1977, un mese prima che morisse. Sembrava sottotono, anche se mi disse che stava bene.
Nessun altro, tranne i ragazzi, i suoi medici, il Colonnello e suo padre sapeva che Elvis non stava bene ed era incasinato.
Qualcuno di noi parlòcon lui in merito ai suoi problemi, ma fu invano.
Io gli avevo persino scritto una lettera raccontandogli che io avevo smesso di prendere pillole e che, per la prima volta nella mia vita, mi sentivo molto bene e che anche lui doveva provare a farlo.
Ho saputo che dopo aver letto la mia lettera si è imbestialito e ha detto che non aveva bisogno di sentirsi dire come doveva vivere la sua vita e che dovevamo tutti smetterla.
Non importa quanto gli vuoi bene, non puoi cambiare nessuno fino a che lui non è pronto a cambiare.
Per il Colonnello, era normale nascondere tutto ai fans e al mondo esterno. Tuttavia nel caso specifico, il Colonnello l’ha fatto perché non voleva perdere soldi, e questo sarebbe successo se Elvis si fosse preso una pausa.

Per quanto riguarda Ronnie Tutt e James Burton erano già famosi perché avevano suonato con Ricky Nelson, molto prima di diventare membri della TCB Band.
Ronnie era stato il batterista in una serie di dischi di successo a Memphis, inclusi due che ho prodotto io con Rita Coolidge, dopo che io l’ho scoperta.
Quando i musicisti suonano in un disco che poi diventa un successo, automaticamente diventano famosi.
Così come in UK ci sono artisti di successo e musicisti che non sono famosi in U.S., lo stesso vale con artisti e musicisti americani che in UK sono degli sconosciuti.
--------------------------------------------------------------------------------------

PEP chiede:
Ho un’altra domanda per te.
Sai se Billy Smith era alla conferenza stampa del Madison Square Garden di New York con Elvis?
Vorrei commentare con te una cosa che Billy Smith dice nel libro che avete fatto assieme a Lamar Fike “Revelations from the Memphis Mafia”, dove a pag. 537 del libro, in merito alla suddetta conferenza stampa, tenutasi il 9 giugno 1972, Billy Smith dice “Era piuttosto su di giri, ma non era fatto”
Sei d’accordo con quello che dice Billy Smith?
Durante quella conferenza stampa, secondo te Elvis era sotto l’influenza di droghe oppure è possibile che fosse semplicemente di buon umore?
Visto che siamo sull’argomento, secondo te Elvis era sotto l’influenza delle droghe anche quando è andato dal Presidente Nixon? Comunque puoi chiederlo a Sonny West.
Cosa pensi del fatto che abbia detto a Nixon che i Beatles erano i promotori delle droghe in America?
E’ possibile che l’abbia detto perché era geloso di loro?
Oppure l’ha detto perché era quello che Nixon voleva sentirsi dire?
Sinceramente, Elvis odiava i Beatles oppure gli piacevano?
Ancora una curiosità: secondo te, se oggi Elvis fosse ancora vivo e sapesse che il mondo è a conoscenza di quello che ha detto dei Beatles a Nixon, gli sarebbe dispiaciuto di averlo detto?

Marthy risponde:
Nè io nè Billy eravamo con Elvis al Madison Square Garden.
Io ero tornato a Memphis per assolvere ai miei impegni in qualità di uno dei responsabili della Memphis Music Industry e non potevo assentarmi.
Billy, invece, quella volta lavorava in ferrovia. Non tornò a lavorare con Elvis fino al 1974, quando fu Elvis stesso a chiedergli di tornare a Graceland insieme alla sua famiglia.
Billy ha fatto questa affermazione dopo aver visto il video clip della conferenza nelle news. Quelli di noi che erano vicino ad Elvis sono arrivati alla stessa conclusione. Sembra che non sia ancora uscito dagli effetti dei sonniferi che aveva preso la sera prima. Prendeva quelle pillole ogni sera.
Devi capire che dopo essere stati con lui tanti anni e averlo visto nei vari stadi quando era fatto e quando non lo era, noi sapevamo se era a posto oppure no.
Voi in qualità di fans non avete lo stesso colpo d’occhio. Noi l’abbiamo tenuto segreto per molti anni.

Pep, dalla metà degli anni ’60 fino a quando è morto, non c’è stato giorno che non abbia preso pillole. Alcuni giorni ne prendeva poche, altri ne prendeva di più, arrivando al punto di esserne diventato dipendente.
Sono sicuro che ne aveva presa qualcuna anche quando incontrò Nixon, ma quel giorno fu in grado di gestirle.

Per quanto riguarda i suoi commenti sui Beatles, in qualsiasi momento Elvis avrebbe detto qualsiasi cosa pur di ottenere quello che voleva.
Io so che non odiava I Beatles e disse quelle cose a Nixon a seguito delle affermazioni di John Lennon sulla marijuana, a cui seguì l’approvazione di tutti. Sapeva che Nixon era a conoscenza di tutto e lo fece solo per ottenere il distintivo della DEA.
Elvis amava i Beatles e la loro musica ed infatti registrò anche alcune loro canzoni.
Penso che gli sarebbe dispiaciuto l’averlo reso pubblico, ma non sono sicuro se l’abbia detto lui pubblicamente, anche se avrebbe potuto farlo
----------------------------------------------------------------------------------------------------------
Ronnie chiede:
Pensi che Elvis l’ artista che ha venduto di più al mondo di tutti I tempi? La mia domanda include chiunque.


Marthy risponde:
Sì, penso che sia l’artista che ha venduto di più. Non so se c’è un calcolo ufficiale, ma da quello che ho sentito nell’ambiente della musica, ad oggi, Elvis ha venduto oltre 1 miliardo e mezzo di dischi in tutto il mondo.
E’ stato detto che i Beatles sono al secondo posto con 1 miliardo di dischi.
A parte il record nelle vendite, ho sempre ritenuto che Elvis sia l’intrattenitore più famoso nella storia. Il suo nome è conosciuto in ogni paese del pianeta, anche nelle giungle dell’Africa. Un mio amico è andato a fare dei safari in Africa e durante uno di questi, è andato in un villaggio sperduto nella giungla, dove la gente viveva in capanne di paglia. Fu invitato ad entrare in una capanna e sulla parete c’era un poster di Elvis in concerto. Rimase sbalordito, tanto quanto me quando me l’ha raccontato.
Rispondi Citando
  #7  
Vecchio 18-09-2008, 17:51
hurt hurt Non in Linea
Elvis Golden Fans
 
Data Registrazione: 03 2006
Locazione: a casa mia
Messaggi: 12.666
Predefinito Re: Mathy Lacker riponde ai fans

Arun Jassi chiede:
Vorrei sapere se durante gli anni dei concerti di Elvis dal 1969 al 1977, le Sweet Inspirations e la loro band si esibivano come supporto in TUTTI gli show di Elvis e quanto tempo stavano sul palco, approssimativamente.
Ho letto di recente un’intervista con Jerome 'Stump' Monroe, il batterista dei Sweets e ho scoperto che, negli anni 1971, 1975 e 1977, suonò con Elvis la batteria in 3 show, quando Ronnie Tutt non poteva farlo.
L’ho trovato interessante perché mi sono trovato in mezzo a gente di colore che erroneamente affermava che, in tutta la carriera, non hanno mai visto un musicista nero nella band di Elvis. Inoltre, nella sua intervista, Jerome afferma che, se è vero che non gli piacevano i neri, non vede come Elvis avrebbe dovuto avere gente di colore nei suoi show.
Il fatto che gli show di Elvis siano stati, per 8 anni, supportati da un gruppo tutto di colore, è un FATTO che non tutti sanno, soprattutto tra i neri che hanno questa errata opinione su Elvis. Questo dovrebbe essere portato alla luce del sole, in modo tale che Elvis possa essere visto sotto la sua luce reale. Hai commenti a riguardo, Marthy ?

Marthy risponde:
No, il gruppo di supporto non erano sempre gli Sweet, per un certo numero di anni c’era un comico. Prima ci fu Sammy Shore e poi Jackie Kahane.
Per quanto riguarda Elvis e i musicisti di colore, Elvis aveva grande rispetto sia per i musicisti che per gli intrattenitori neri.
Il fatto è che siccome Elvis non frequentava altri artisti e musicisti, in realtà non conosceva molti musicisti neri.
Per quanto riguarda la grande orchestra che lo accompagnava a Vegas o in altri posti, erano tutti musicisti scelti da Joe Guercio, che era il direttore d’orchestra.

Dal momento che i giovani artisti di colore di oggi non sanno niente e vengono influenzati da uno o due di quei vecchi artisti neri che non lo conoscevano e a cui Elvis non piaceva, e pensano che lui abbia rubato la musica dei neri. Questa è una cosa ben lontana dalla verità.
I neri del passato hanno influenzato Elvis? Assolutamente sì! Così come hanno fatto gli artisti country. E questo è successo perché li ascoltava da bambino, negli anni ’40.
Il suo stile musicale è stata una combinazione di entrambi i generi.
Quelli che fanno commenti del genere, non erano nemmeno nati quando Elvis iniziò e non erano nati ancora prima che Elvis morisse.
Non conoscono niente di quella che è la verità sulla storia della musica
----------------------------------------------------------------------------------------------------------
Tom Morrison:
Ho letto una recensione sul DVD 'Elvis: Return To Tupelo'.
Mi riferisco a questo commento: “Ci sono un paio di nobili commenti che fanno rabbrividire, in merito ad Elvis e il fratello gemello, la cui morte lo avrebbe segnato per il resto della vita” e “Lui doveva vivere per entrambi”……….. Naturalmente è triste, ma era davvero così?
E’ vero che la morte del suo gemello ha avuto una grossa influenza sulla sua vita oppure l’autore è corretto quando dice che Elvis la superò e la teoria che Elvis pianse Jesse Garon tutta la vita è una cosa creata dai media? Qual è la verità Marthy?

Marthy risponde:
Nessuno conosce i pensieri intimi di Elvis, a meno che non li abbia rivelati a qualcuno, come faceva con noi su vari argomenti personali.

In merito a quest’affermazione, permettimi di dire che, a quel che ne so, se è vero a noi non ha mai detto niente del genere, ANZI quando qualcuno gli chiedeva di suo fratello (succedeva raramente) la sua risposta era sempre “A dire il vero non posso dirti niente di lui, perché è nato morto e io non l’ho mai conosciuto” .
Tutte queste stronzate sono iniziate con il film fatto da Dick Clark e interpretato da Kurt Russel. Hanno presentato Elvis triste e solo che parla con suo fratello. Non so se questa è stata una balla messa in giro da Charlie Hodge e Larry Geller, ma sono un mucchio di stronzate.
Sono sicuro che Elvis ne avrebbe parlato con Billy o con me, perché io ed Elvis abbiamo avuto diverse conversazioni su argomenti personali della nostra vita e so che sicuramente ne avrebbe parlato con Billy, che probabilmente era la persona più vicina a lui, dopo sua madre e suo padre. So che pensava molto a sua madre, ma comunque non ne era ossessionato.
---------------------------------------------------------------------------------------------------------
Mark Ritchie chiede:
Sto leggendo il libro che hai scritto insieme a Lamar e Billy,
In un capitolo Lamar attribuisce il declino e quindi la morte di Elvis ai fans, perchè hanno continuato ad amarlo, non realizzando che aumentava di peso.
Inoltre, personalmente, io penso che venga data troppa importanza alla TCB band e gli altri associati ad Elvis, perchè, se Elvis fosse ancora vivo, non sarebbero così famosi nel mondo. Che ne pensi?

Marthy risponde:
Quello che in realtà Lamar dice è che è una vergogna che alcuni fans non si siano allontanati da Elvis dopo averlo visto aumentare di peso, cosa che era principalmente causata dall’assunzione di pillole e poi dall’abbuffarsi. Anche perché qualche volta ha avuto dei comportamenti particolari sul palco, determinati dal fatto che era sotto l’effetto delle pillole.
Noi che gli eravamo vicini, sapevamo che qualora i fans l’avessero fatto, si sarebbe dato una raddrizzata, visto che voleva essere la superstar che era e sapeva anche che se i fans l’avessero abbandonato non sarebbe stato così popolare.
Non è che Lamar rimprovera tutti voi fans, ma fa un’affermazione in base al fatto che conoscevamo tutto di Elvis.
Anche quando qualcuno di noi gli parlò del suo problema, non ha dato risultati, così come non li ha dati quando a parlargli fu suo padre.

Per quanto riguarda la TCB Band, alcuni avrebbero avuto successo comunque.
Ronnie Tutt è un ottimo batterista e ha lavorato anche con Neil Diamon, mentre James Burton si è fatto un nome con Ricky Nelson.
Mentre per gli altri, prima che venisse formata la TCB Band, non li avevo mai sentiti nominare nel mondo musicale,

Gli associati: non sono sicuro a chi ti riferisci, ma se intendi la Memphis Mafia, hai ragione per la maggior parte di loro. Tuttavia alcuni di noi si sono fatti la loro strada senza Elvis.
Lamar era apprezzato nell’ambiente della musica di Nashville, Red West è un buon attore e autore di canzoni e io mi sono affermato nella Memphis Music e nella National Recording Industry
----------------------------------------------------------------------------------------------------------
Mark Ritchie chiede:
Prima di tutto voglio ringraziarti per le risposte a tutte queste domande dei fans. Se non fosse per te ci sarebbero in giro ancora un sacco di falsità .
Secondo te perché era così difficile portare Elvis in uno studio di registrazione, dopo i primi anni ’70?
P.S. Per caso la Memphis Mafia vende ancora le sue magliette?

Marthy risponde:
Elvis era stufo di registrare, principalmente perché gli portavano quelle canzoni scadenti che volevano Parker e la Hill & Range e non aveva voglia di discutere con loro. Invece avrebbe dovuto.

Nel ’72, quando mi chiese di trovargli uno studio a Memphis e io gli proposi la Stax, mi disse che la session non aveva alcun significato per lui, ma che lo faceva solo per placare gli animi di Parker e la RCA,
Parker e la Hill & Range, ma in modo particolare Parker, sono da rimproverare per molti dei problemi di Elvis che l’hanno portato alla noia e alla depressione, ma di fatto, è lui che deve essere rimproverato per non aver pestato i piedi e fatto quello che voleva fare, inclusi i tour fuori dagli USA

Mi dispiace ma non ci sono gadgets della Memphis Mafia ancora, a meno che qualcuno di noi non decida di vendere i nostri vestiti.
---------------------------------------------------------------------------------------------------------
PEP chiede:
Durante la session del ’69, Elvis facendo il buffone, disse qualcosa come “Caro Georgie ascoltami, piccolo C@@ksucker, se continui a mandarmi quelle lettere, finisce che ti taglio via il tuo Samurai Peter” o qualcosa di simile.
La mia domanda è: chi è il Caro Georgie?
E’ stato detto che questo è un monologo di Red Foxx, riportato da Elvis o anche che parlava di George Klein e anche che quello era il soprannome di Al Pachucki

Sai a cosa si riferiva? Tu c’eri a quella session quando lo disse?

Marthy risponde: :
Elvis lo disse anche sul palco a Las Vegas………… Si riferiva ad un ragazzo svitato giapponese, che si chiamava George e che continuava a mandargli lettere minatorie. Se ricordo bene non erano minacce fisiche, ma qualcos’altro.
Capitava che Elvis avesse qualcosa in mente che non aveva niente a che fare con la canzone che stava eseguendo in quel momento e la spifferava in una forma umoristica.
All’esterno, nessuno capiva di cosa stava parlando,,,,,,,,,,,, ma riusciva a far ridere tutti.
Rispondi Citando
  #8  
Vecchio 18-09-2008, 18:01
hurt hurt Non in Linea
Elvis Golden Fans
 
Data Registrazione: 03 2006
Locazione: a casa mia
Messaggi: 12.666
Predefinito Re: Mathy Lacker riponde ai fans

Matt Ashton chiede:
Sono sicuro che ti sia stato chiesto in numerose occasioni, ma io vorrei sapere se nessuno di voi si è mai sentito responsabile per il modo in cui si è conclusa la vita di Elvis.
Ho sentito il commento che non si può aiutare un uomo che non vuole essere aiutato. Sicuramente Elvis si è accorto degli effetti che le pillole avevano su di lui.

Altra domanda: qual’ è la tua registrazione preferita di Elvis e perché?

Marthy risponde:
No, non mi sento nessuna responsabilità. Elvis era un uomo adulto.
Nessun altro è responsabile del fatto che io prendevo le pillole. Anche se Elvis è stato quello che mi ha fatto iniziare, è stata una mia scelta prenderle, così come era una sua scelta prendere le sue.
E’ sempre facile rimproverare qualcun altro dei tuoi problemi, ma ognuno di noi è responsabile delle sue azioni. Ad alcuni fans piace rimproverare la MM per il decesso di Elvis, ma se invece la si guarda in modo obiettivo, questa opinione li rende stupidi perché parlano di un rapporto di cui loro non sanno assolutamente niente,
Questi fans fanno di Elvis quasi un angelo e una specie di Dio, quando invece era solo un essere umano come tutti noi, con i difetti e le fragilità umane.
Dubito che a loro piacerebbe se dicessi che la colpa delle sue condizioni è dei fans che non si sono preoccupati delle condizioni in cui si trovava e di come appariva. Loro hanno continuato ad incoraggiarlo a non cercare di stare meglio, venendo comunque a vederlo ai concerti.
Dire questo è tanto ridicolo quanto rimproverare la MM per come è finito.

Nessuno ha amato Elvis come hanno fatto alcuni dei ragazzi “originali”!
Perché avremmo dovuto provare piacere a vedere che colui che amiamo si butta via così? Tanto tempo fa, per esperienza personale, ho imparato che tu puoi dire a qualcuno che ami, di prendersi cura di se stesso, fino a diventare blu in faccia, ma fino a che non è pronto lui a smettere, non funziona. Questa è la realtà di qualsiasi tipo di dipendenza. C’è chi ha il cibo, chi l’alcool, chi le droghe o qualsiasi altra cosa.

Le mie canzoni preferite? Ci sono numerose tracce che mi piacciono, ma per dirne qualcuna dico “Surrender” “I’ll Remember You” “In The Ghetto” e molte degli anni ‘50/inizi anni ’60.
Mi piacciono anche tante della session del ’69 agli American Studios di Memphis.
---------------------------------------------------------------------------------------------------------
Andrew Crowther chiede:
Che cosa pensi delle ultime due session di registrazione a Graceland (febbraio e ottobre 1976)?
Alcuni fans pensano che queste session non avrebbero dovuto aver luogo perché Elvis era stato obbligato dalla RCA e che una parte del materiale era sotto lo standard, con un Elvis che non era concentrato nella registrazione, Altri fans, invece, pensano che queste session sono parte integrante della storia di Elvis Presley.

Vorrei anche sapere se Elvis e Muhammed Alì erano veramente buoni amici e solo due fantastici ragazzi pieni di talento che avevano enorme rispetto l’uno per l’altro?

Inoltre vorrei sapere, se Elvis fosse sopravissuto al 16 agosto 1977, pensi che il libro “Elvis What Happened” gli avrebbe dato veramente quella spinta di cui aveva bisogno?

Marthy risponde:
Elvis fece quelle session a Graceland, in un momento in cui non voleva registrare ma nello stesso tempo voleva mettere a tacere il Colonnello Parker e la RCA.
Io vorrei che non le avesse mai fatte e avesse, invece usato il suo tempo per fare dei controlli e una riabilitazione in ospedale, al fine di rimettersi completamente in salute, così oggi sarebbe ancora vivo.
Secondo me, il risultato di quelle session è terribile , perchè non gli interessavano e per la scelta delle canzoni diede ascolto a Parker e qualcun altro che non erano in grado di riconoscere un successo, nemmeno se glielo sbattevano in faccia.

Elvis e Alì si piacevano come amici, ma si sono incontrati solo un paio di volte.

Sì, sapeva cosa c’era scritto in quel libro e disse che pensava di aiutarsi e pensare a se tesso, ma con Elvis non potevi mai saperlo, Sfortunatamente lui non c’è più, se non nella sua musica.
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
James Freed chiede:
SeiI fans avessero detto ad Elvis che erano preoccupati per la sua salute, pensi che avrebbe cambiato il suo stile di vita? Ho letto che Elvis voleva fare sempre una buona impressione sulla gente, ma se questa sui fans non ci fosse stata, credi che si sarebbe preoccupato oppure gli piaceva il suo modo di vivere?
Elvis era il tipo di persona che aveva continuamente bisogno di nuove chances?

Marthy risponde: :
James, se i fans con delle lettere o magari, dopo un concerto nel momento in cui erano appartati con lui per un autografo, glielo avessero fatto sapere, ci sarebbero state buone possibilità che si sarebbe rimesso in forma e avrebbe abbandonato le pillole……… Il fatto è che, le pillole sono state un grossa parte all’origine dei suoi problemi.
Negli ultimi anni non voleva perdere la sua fama e probabilmente avrebbe ascoltato i messaggi dei fans per recuperare la sua salute. Questa è l’opinione di alcuni di noi che erano con lui sin dall’inizio.

Sì, Elvis cercava sempre delle nuove opportunità, ma Parker gli faceva fare sempre le stesse cose, nelle stesse città sempre di più, al punto che gli è venuto a noia e si è stufato del tutto.
A metà degli anni ’70, Elvis avrebbe dovuto fare dei tour fuori dagli U.S. e la maggior parte di noi pensa, che oggi sarebbe ancora vivo. Si sarebbe rimesso in forma per potersi esibire davanti a tutti i fans nel mondo, ma sappiamo che Parker era un immigrato illegale e questo lo ha spinto a non portarlo in Inghilterra, Europa, Giappone e Australia.

Dopo la morte di Elvis, Parker disse che era Elvis a non volevo fare, ma è una menzogna. Di questo Elvis parlava molto con noi. L’ultima occasione che ha avuto è stato l’Aloha from Hawaii e per farlo era tornato in piena forma
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Julia chiede:
Avevo già fatto una domanda e adesso vorrei fare un commento.
Marthy, ci sono molte persone che pensano che tu o qualsiasi altro della MM vi volete bene. Non è colpa di nessuno per gli errori di Elvis e di come ha condotto la sua vita e nessuno poteva fermare un treno che ormai era partito e che era pronto a schiantarsi.
La triste verità è che era arrivato il momento per Elvis di rimanere a casa. Non ha importanza come sia morto, importa che era arrivato il suo momento. Per me non importa quello che ha fatto in vita e come sia morto, tranne il fatto che era una persona non aveva niente e ha portato a compimento tutto.
Sono solo un po’ invidiosa del fatto che tu e altri pochi eletti abbiate avuto la fortuna di conoscere Elvis.

Marthy risponde:
Ciao Julia, grazie per il tuo bel commento
La gente che fa commenti dispregiativi nei nostri confronti, in realtà, non mi preoccupano, perché si rendono stupidi facendo delle affermazioni sul nostro rapporto con Elvis, quando loro invece non ci hanno mai incontrato o passato del tempo con noi. Queste persone dimostrano solo una mancanza di intelligenza e di buon senso.
E’ come se noi facessimo dei commenti sui loro rapporti con le loro famiglie o amici, quando di fatto non li consociamo e non li abbiamo nemmeno mai incontrati.
La maggior parte di noi sanno che la prevalenza dei fans sono persone intelligenti che sono capaci di essere realistici e capire che Elvis era un essere umano, proprio come tutti noi e non un Dio o Superman. Noi li apprezziamo, così come apprezziamo te per tenere viva la memoria di Elvis.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Moggy chiede:
Mia figlia Danielle di 11 anni vuole sapere se Elvis aveva un jumpsuit e un concerto preferiti

Marthy risponde:
Elvis cambiava idea su quale jumpsuit gli piaceva, in ogni momento, però gli piaceva molto l’Eagle suit che indossò nello show dell’Aloha from Hawaii.

Per quanto riguarda i concerti, gli piacevano tutti, ma dipendeva principalmente dall’umore in cui si trovava la sera del concerto

PS:
Danielle, è bello vedere qualcuno giovane come te che ama Elvis. Continua ad ascoltare la sua musica finchè vivi, perché ti farà sentire meglio.
Rispondi Citando
  #9  
Vecchio 18-09-2008, 18:30
hurt hurt Non in Linea
Elvis Golden Fans
 
Data Registrazione: 03 2006
Locazione: a casa mia
Messaggi: 12.666
Predefinito Re: Mathy Lacker riponde ai fans

Elvis Fan [senza nome] chiede:
Quando il Colonnello faceva da manager a Eddy Arnold girò l’Europa, il Canada e il Messico. Leggendo sul loro rapporto, di base il Colonnello diresse Eddy allo stesso modo che poi diresse Elvis, incluso il fatto che diceva ad Eddy quale materiale registrare e facendo trattative parallele con la RCA, ma sembra che non abbiano avuto degli scontri in merito ai tour fuori dagli U.S., visto che il Colonnello accettò la richiesta di farlo esibire fuori dagli U.S.
Il Colonnello non andò in Europa con Eddy, ma mandò il suo assistente. Eddy suonò spesso in Canada e alle volte il Colonnello andò con lui e altre no, Inoltre il Colonnello lo accompagnò anche nel suo tour in Messico.
So che non era necessario il passaporto per Canada e Messico, però quando il Colonnello diresse Elvis non gli fece mai fare tour in Messico o in Europa, pur se gliene fece fare uno in Canada nel 1957.

Alanna Nash parlò con il Colonnello parecchie volte e quando stava facendo le ricerche per il suo libro, Parker le confermò di essere amico con Lyndon Johnson e molti altri politici.

Sonny West racconta che i problemi delle droghe diventavano sempre più seri, ma ho anche sentito da Linda Thompson che durante la loro relazione, se non ci fosse stata lei con lui, Elvis sarebbe morto prima.
Sonny parlò della cosa con il Colonnello che confidenzialmente avrebbe detto a Johnson di essere un clandestino e chiedendogli la possibilità di ottenere un passaporto, per accompagnare Elvis. Tuttavia considerando che Elvis si sarebbe portato dietro una grande quantità di pillole e supponendo la reazione dei media realizzando che Elvis aveva problemi con le droghe, il Colonnello decise di rifiutare i tour.
Johnny Cash fu arrestato attraversando il confine del Messico perché aveva con sé farmaci prescritti, visto che se si possono trasportare in U.S., non significa che questo sia legale in altri paesi.

P.S. Oltre a Lyndon Johnson ho saputo che Colonnello era buon amico dell’ambasciatore Walter Annenberg, che a sua volta era amico stretto dei Presidenti sia Nixon che Ford. Pertanto credo tu sia in errore sul Colonnello e questo argomento e che non dovrebbe essere rimproverato ancora per la non realizzazione del tour nel mondo

Marthy risponde: :
All’ Elvis Fan
La mia risposta è no!
Non so da dove Sonny abbia preso l’informazione che il Colonnello avrebbe confessato a Johnson di essere clandestino, perché quella volta né io, né Sonny, né Elvis, né nessuno era a conoscenza che Parker fosse un clandestino.
Come ho già detto Parker aveva degli amici nell’amministrazione di Johnson. Può essere che conoscesse l’ambasciatore, visto che entrambi vivevano a Los Angeles, ma come ho detto il Colonnello non ha fatto niente per cogliere al volo l’opportunità e non ha mai detto a nessuno che era clandestino, nemmeno ai politici che hai citato, proprio perché la cosa non gli interessata e soprattutto non voleva perdere la faccia con queste persone.

Eddy era una persona diversa da Elvis, perchè se Parker non avesse accettato di fare una cosa piuttosto che un’altra, Eddy lo avrebbe affrontato. Invece Elvis no.

Detto questo, se ciò ti rende felice, ti dico che potrei sbagliarmi. Non è importante prolungare questo argomento fino alla morte. Hai vinto!!!
Questo mi ricorda qualcosa che successe agli inizi degli anni ’60 a L.A.
Conoscevamo un ragazzo che si chiamava Charlie Thompson, che era un “attaccabrighe di strada”. Arrivò alla casa e iniziò ad insistere con Elvis che gli “attaccabrighe di strada” erano migliori di coloro che facevano karate. Così Elvis decise di fargli una dimostrazione di karate.
Così disse a Charlie di lanciargli un pugno e quando Charlie i buttò, Elvis lo bloccò e colpì Charlie mandandolo sul marmo del tavolino. Charlie, non soddisfatto, si rialzò e disse: “Cosa succede se do un colpo circolare?” Elvis disse di farlo, poi bloccò la battuta e buttò Charlie nuovamente sul tavolo. Charlie era deciso a dimostrare la sua forza e si alzò, dicendo “Cosa dici se faccio un montante?”
Lo fece, Elvis lo bloccò prima spingendolo a terra e poi ributtandolo sul tavolo di nuovo. Dopo averlo fatto ancora una volta, Charlie si rialzò e voleva riprovare qualcos’altro. Elvis lo guardò e disse “Cosa dici se…… IL MIO C***O!”, sedendosi sul divano-
Se Elvis l’avesse lasciato, Charlie avrebbe continuato per tutta la notte a lanciare pugni, solo per dimostrare le sue capacità, ma avrebbe continuato ad essere sbattuto sopra il tavolo.
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Elizabeth chiede:
L’unica volta che ricordo Elvis abbia eseguito “If I Can Dream” è stato al Comeback Special.
Perché non l’ha mai eseguita nei concerti?

Marthy risponde:
Nonostante quello che pensano alcuni fans che amino questa canzone, in verità non è una grande canzone. Ci sono delle canzoni che Elvis non amava fare nei concerti e questa è una di quelle.
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Duke chiede:
Stai facendo un grande ed onesto lavoro con le tue risposte. Sono un fan di Elvis din da bambino e l’ho visto a Las Vegas 3 volte.

Qualche anno fa, ho fatto una chiacchierata con Pat Boone. Credo che lui ed Elvis fossero buoni amici e ad Elvis piacesse come cantava Pat.
Pat Boone mi ha raccontato che l’ultima volta che incontrò Elvis, cercò di convincerlo ad uscire dai suoi problemi di salute e che Elvis gli promise che l’avrebbe fatto. Pat mi ha anche detto che gli dispiace che non abbia seguito il suo consiglio visto che Elvis è morto subito dopo.

Sei al corrente di questo e che cosa pensava veramente Elvis di Pat Boone, che era il suo principale rivale?
Ho anche letto che Elvis amava gli attori Clint Eastwood, Steve McQueen e Charles Bronson e che voleva recitare in film come “Dirty Harry”. E’ vero?
Nello stesso articolo si suppone che Elvis abbia detto che ammirava il fisico di Bronson, nonostante credo che Bronson fosse parecchi pollici più basso di Elvis, ma più muscoloso. So che hanno lavorato insieme in Kid Galahad. Che ne pensi?

Marthy risponde:
Pat era un amico, ma si sono incontrati poche volte. Personalmente io non li ho mai visti assieme. Io ho incontrato Pat a L.A., nell’ufficio dell’avvocato di Elvis, Ed Hookstratten, perché era anche il legale di Pat.
Non so se ha parlato con Elvis, in merito ai suoi problemi di salute, ma posso dirti che, probabilmente, ad Elvis la cosa non è piaciuta. Sono sicuro che abbia voluto essere educato con lui, ma è probabile che quando l’ha lasciato, Elvis abbia detto ai ragazzi qualcosa del tipo “Pat dovrebbe pensare agli affari suoi”. Questo era il suo modo di fare anche quando gli diceva qualcosa qualcuno di noi. Come ogni persona dipendente da qualcosa, Elvis pensava di avere tutto sotto controllo, ma nel profondo sapeva che non era così.

Clint e Steve erano due attori che gli piacevano molto.
Per quanto riguarda Charlie non è mai diventato molto amico con lui, nemmeno durante Kid Galahad, perché era un tipo solitario. Effettivamente era un attore tremendo ed aveva un fisico muscoloso, ma non ricordo che Elvis abbia fatto dei commenti,come quelli che dici, sul fatto che volesse essere come lui, nemmeno quando girarono il film insieme.

Elvis voleva fare tanti film diversi dai suoi film canterini, ma, in tal senso, non è mai riuscito ad affrontare Parker. Così ha continuato a fare quei terribili documentari musicali

Rispondi Citando
  #10  
Vecchio 18-09-2008, 18:39
hurt hurt Non in Linea
Elvis Golden Fans
 
Data Registrazione: 03 2006
Locazione: a casa mia
Messaggi: 12.666
Predefinito Re: Mathy Lacker riponde ai fans

Mari chiede:
Ho letto un sacco su Elvis e ho alcune domande che credo io debba fare ad uno degli amici di Elvis, come sei stato tu.
Spero tu capisca che non ti sto dicendo questo solo perché voglio che tu mi risponda, ma credo sinceramente che tu sia uno dei pochi che sembra vedere tutto il quadro.
Rispetto tutti gli amici di Elvis, anche se non concordo con tutto quello che dicono. D’altra parte sono esseri umani. Apprezzo anche che tu sia così sincero e diretto, molto simile ad Elvis.

Le mie domande sono le seguenti e mi scuso se sono tante, ma di fatto è solo una grande domanda che cerco di dividere in piccoli punti su cui discutere.

1) Ho letto che Elvis non prese pillole durante il periodo del Come back ’68 e del concerto dell’Aloha e mi sono sempre meravigliata che, se aveva questo grande problema di dipendenza con le pillole, come ha potuto, per queste due occasioni, fermarsi e non avere crisi di astinenza?

2) Sono estremamente sorpresa di vedere quanti amici di Elvis abbiano scritto libri, senza mai menzionare le difficoltà dovute all’aspetto “politico” di essere Elvis.
Capisco che molti di loro vogliono mantenere intatta l’immagine di Elvis (che secondo il mio punto di vista era perfetta……… cioè non umana, facendo tutto quello che Parker pensava di dover fare per il business e ancora peggio, che la realtà di Elvis era talmente perfetta da non aver “motivi” per sfuggirla usando pillole).

Pensi che sia stata proprio quest’immagine a portarlo dentro la trappola sempre di più? Nessuno di coloro che circondavano Elvis ha pensato che prendeva tutte quelle pillole a causa di tutte le strategie e frustrazioni della sua carriera oppure questo si è capito solo dopo la sua morte?
Tu sei uno dei pochi che dice che furono queste situazioni che lo hanno portato verso le pillole. Lo hai capito subito o solo dopo la sua morte? Forse nemmeno Elvis l’aveva realizzato?

3) Credi che dopo aver fatto l’Aloha, Elvis abbia capito che non sarebbe mai andato in Europa e per questo si è ributtato nelle pillole? Per cercare di non pensarci?
Molti parlano della noia. Forse, alla fine, Elvis era semplicemente stanco di combattere contro tante cose solo per essere in grado di fare quello che ha sempre fatto al meglio? Questa sarebbe stata una cosa ben diversa dalla noia.

4) Tornando all’immagine, non pensi che Elvis non abbia cercato cure per uscire dalle droghe perché semplicemente non riusciva a smettere di essere Elvis oppure quello che l’ ”organizzazione” pensava che lui fosse? Apparentemente sembra che non ci fossero possibilità di recupero per Elvis, vedendo quello che Parker gli ha fatto negli anni?
Se sei grasso i fans smettono di amarti, se sei malato i fans smettono di amarti – tu sai che lui si è sentito fare continuamente queste minacce.
Come avrebbe potuto smettere di prendere farmaci?
Solo se smetteva di essere Elvis Presley?
Oppure licenziando il Colonnello Parker?
In quale trappola si è trovato! Ha cercato di licenziare Parker e mi meraviglia come alcuni l’abbiano presa più alla leggera di lui, come se fosse stato un errore.

5) Nel tuo libro dici che Parker “si è preso cura di Elvis in modo genuino (Marthy, pag. 129) e che “avrebbe cambiato il suo modo di pensare e incoraggiato Elvis a cambiare, qualora avesse espresso unì obiezione reale sul tipo di vita che stava vivendo, così come su ciò che riguardava il suo lavoro (Marthy pag. 129).
Allo stesso tempo, tu sei uno dei pochi che racconta la verità sulle minacce di Parker dicendo “Lui conosceva il punto vulnerabile di Elvis. Avrebbe espresso ad Elvis ogni cosa, sotto forma di perdita della sua carriera” (Marthy in Memphis Mafia pag. 294). Hai cambiato modo di pensare da quando hai scritto il libro a quando hai collaborato con il libro della Memphis Mafia?
Ho difficoltà a far combaciare questi punti, perché sembrano uno l’opposto dell’altro.

Pensi che Parker si preoccupasse per Elvis, veramente? Ho difficoltà a crederlo dopo aver letto il libro di Alanna Nash e quello di Vellenga su Parker. Non è vero che Parker si preoccupava dei soldi che Elvis portava, non importa quante pillole dovesse prendere per far sì che ciò avvenisse? Chi si è veramente preso cura di Elvis?

6) Pensi che Red West e Sonny West avrebbero potuto risolvere in altro modo il fatto di essere stati licenziati, anziché scrivere un libro? (Elvis What Happened?). Probabilmente loro non sapevano che questo libro era la cosa peggiore che potevano fare ad un drogato, portando alla luce i “problemi” facendoli vedere al mondo intero. Soprattutto se si parla di un uomo PUBBLICO come Elvis. Mi dispiace che l’abbiano fatto. Anche loro hanno agito da esseri umani, ma lo scopo era aiutare Elvis, hanno fallito miseramente. Il libro non avrebbe mai aiutato Elvis perché era un’ALTRA minaccia, esattamente come quelle che Parker gli ha fatto per tutto il tempo. Cosa ne pensi?

7) Pensi che sia possibile che gli studi spirituali che Elvis faceva lo possano aver aiutato dandogli fiducia in se stesso e/o aiutato a vedere le cose in modo più chiaro e forse anche ad essere benevolo con se stesso e risollevarsi

Grazie per il tuo tempo

Marthy risponde: :
Wowo Mari
Non scherzavi in merito al numero di domande. Cercherò di unire le mie risposte a tutte le tue domande, con una risposta unica.

Prima di tutto, quando ho scritto il mio libro e ho parlato in quel modo entusiasta sia di Parker di che un paio di altre persone, perché la morte di Elvis era talmente recente che non volevo parlar male di nessuno per rispetto ad Elvis. Sono stato assillato affinchè scrivessi un libro, così l’ho fatto soprattutto per far tacere la gente. Un’altra ragione è che avevo bisogno di soldi per poter tornare a Memphis dalla California dove vivevo già da un paio d’anni, dopo esserci trasferiti 5 mesi prima che Elvis morisse.

Elvis assumeva pillole per due motivi: per scappare dalla pressione di essere Elvis Presley la Superstar e perchè, detta francamente, gli piaceva l’effetto che gli facevano. Quest’ultimo motivo è da ritenersi reale agli inizi dell’assunzione, che è avvenuta sotto l’esercito. Ha continuato a prenderle negli anni successivi perché gli permettevano di contrastare tutta la schifezza che gli arrivava da Parker, da alcuni della sua famiglia, da sua moglie o compagna e, sì anche da alcuni dei ragazzi.
Per quanto riguarda lo special del ‘68 e l’Aloha o in altre occasioni, Elvis si è trovato a delle nuove opportunità e fu capace di fermarne l’assunzione o almeno diminuirne giornalmente la quantità, per il breve periodo che precedeva l’evento. Quegli show gli diedero la forza di volontà di cui aveva bisogno.
Elvis, come molti componenti della sua famiglia che soffrivano di dipendenza dall’alcool, aveva una predisposizione alla dipendenza. Ce n’è a milioni.
Le sue due grandi dipendenze erano le pillole e il cibo. Come ho detto ad altre persone, che pare colpevolizzino la MM di non essersi presa cura di lui, Elvis era il tipico dipendente, quel genere di dipendente dove che la gente che lo amava poteva parlare fino allo spasmo, per spiegargli cosa stava facendo a sé stesso, ma che non ottiene nessun risultato fino a che lui non è pronto a fermarsi. Parlo per esperienza personale, perché ero quasi se non addirittura mal messo quanto lui, con le pillole che lui mi ha fatto conoscere, non appena mi ha assunto. Non sono il tipo di persona che punta il dito verso qualcuno senza mettere in discussione sé stesso, quando sta facendo la stessa cosa.
Negli ultimi anni, Elvis era annoiato, stufo di andare sempre nelle stesse città, quando andava in tour, stufo di Vegas e stufo di registrare brutte canzoni. Di questo va rimproverato Parker, Elvis voleva fare tours oltreoceano, ma siccome Parker era un clandestino non poteva accompagnare Elvis, perché aveva paura di non ottenere il passaporto, oltre al fatto che sarebbe stato scoperto dai media, Così si è inventato bugie vergognose sulle pillole di Elvis in Europa e che la stampa lo avrebbe scoperto. Questo è ridicolo, perchè qualsiasi cosa Elvis assumesse erano farmaci prescritti dai medici e nessuno avrebbe fatto obiezioni. Elvis era una persona che non cercava il confronto e non avrebbe affrontato Parker nemmeno su questo argomento. Al contrario si teneva tutto dentro e l’unico modo che aveva per combattere questa pressione erano le pillole.
Dopo la morte di Elvis, Parker poi si è preso gioco di se stesso e in un’intervista ha dichiarato che non sapeva che Elvis prendesse farmaci. Una contraddizione sui motivi che ha sempre tirato fuori per non fare i tours fuori dagli US.
Per quanto riguarda Red e Sonny, loro hanno fatto quello che si sentivano di fare e una parte dei motivi per cui hanno scritto il libro era la speranza di dare una scossa ad Elvis, affinché si rimettesse in forma, visto che niente di quello che gli avevamo detto finora aveva portato a dei risultati positivi. Dal canto suo Elvis non era pronto a fermarsi o non aveva la volontà di farlo. Tuttavia loro sapevano, come altri di noi, che Elvis aveva paura per i suoi fans o il pubblico o i media, che avrebbero scoperto la sua assunzione di quelle pillole, anche se non erano droghe di strada.
Metterlo allo scoperto con il libro era il loro modo di dargli una scossa, per spaventarlo al punto di farlo smettere. Lo dimostra il fatto che Elvis abbia detto a Billy Smith che stava pensando di ammettere la sua dipendenza sul palco, durante il tour, dicendo ai fans che aveva intenzione di smettere……… ma questo non è successo perché è morto.
I fans possono parlar male di Red e Sonny quanto vogliono, ma non hanno idea di com’era il nostro rapporto con Elvis.
Red e Sonny volevano bene ad Elvis, cosi come tutti noi. Eravamo cresciuti assieme ad Elvis, come fratelli.

Per quanto riguarda gli studi spirituali di Elvis, questi non hanno fatto nient’altro che strizzargli il cervello ancora di più. Cominciò a cercare il perché fosse stato dotato del talento e di altre cose, come qual’era lo scopo della sua vita e tutte quelle cose che avrebbe dovuto lasciar perdere perché non fanno altro che farti saltare il cervello e che posso portarti ad impazzire perché non esistono delle risposte.
E’ mia opinione che Dio da a tutti noi un cuore, un cervello e un’anima e ci insegna il senso del bene e del male. A noi invece lascia il diritto di fare quello che vogliamo, ma è una nostra scelta. Le persone hanno solo bisogno di godere della vita che gli è stata data e lasciar perdere di capire da dove è iniziato tutto e fare il massimo per essere gentili con gli altri.
Il problema è che la natura umana tende a creare confusione alcune persone e ottenere il risultato opposto.
Per la maggior parte del tempo, Elvis era una persona estremamente buona, ma come tutti noi, alle volte non era al massimo della gentilezza. Come tutti noi aveva difetti e debolezze umane. Non era sempre facile stare vicino ad Elvis, ma siccome gli volevamo bene, lasciavamo perdere. Sono sicuro che c’erano delle volte che stare insieme a qualcuno di noi non era tanto facile nemmeno per lui, ma visto che ci teneva a noi, la MM originale, non siamo rimasti con lui. Elvis non si sentiva allo stesso modo con quelli arrivati dopo.
Per concludere, Elvis ha lottato molto bene con le pressioni e il suo essere superstar, ma tutti desideriamo che avesse combattuto senza le pillole.
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Duke chiede:
Stai facendo un grande ed onesto lavoro con le tue risposte. Sono un fan di Elvis din da bambino e l’ho visto a Las Vegas 3 volte.

Qualche anno fa, ho fatto una chiacchierata con Pat Boone. Credo che lui ed Elvis fossero buoni amici e ad Elvis piacesse come cantava Pat.
Pat Boone mi ha raccontato che l’ultima volta che incontrò Elvis, cercò di convincerlo ad uscire dai suoi problemi di salute e che Elvis gli promise che l’avrebbe fatto. Pat mi ha anche detto che gli dispiace che non abbia seguito il suo consiglio visto che Elvis è morto subito dopo.

Sei al corrente di questo e che cosa pensava veramente Elvis di Pat Boone, che era il suo principale rivale?
Ho anche letto che Elvis amava gli attori Clint Eastwood, Steve McQueen e Charles Bronson e che voleva recitare in film come “Dirty Harry”. E’ vero?
Nello stesso articolo si suppone che Elvis abbia detto che ammirava il fisico di Bronson, nonostante credo che Bronson fosse parecchi pollici più basso di Elvis, ma più muscoloso. So che hanno lavorato insieme in Kid Galahad. Che ne pensi?

Marthy risponde:
Pat era un amico, ma si sono incontrati poche volte. Personalmente io non li ho mai visti assieme. Io ho incontrato Pat a L.A., nell’ufficio dell’avvocato di Elvis, Ed Hookstratten, perché era anche il legale di Pat.
Non so se ha parlato con Elvis, in merito ai suoi problemi di salute, ma posso dirti che, probabilmente, ad Elvis la cosa non è piaciuta. Sono sicuro che abbia voluto essere educato con lui, ma è probabile che quando l’ha lasciato, Elvis abbia detto ai ragazzi qualcosa del tipo “Pat dovrebbe pensare agli affari suoi”. Questo era il suo modo di fare anche quando gli diceva qualcosa qualcuno di noi. Come ogni persona dipendente da qualcosa, Elvis pensava di avere tutto sotto controllo, ma nel profondo sapeva che non era così.

Clint e Steve erano due attori che gli piacevano molto.
Per quanto riguarda Charlie non è mai diventato molto amico con lui, nemmeno durante Kid Galahad, perché era un tipo solitario. Effettivamente era un attore tremendo ed aveva un fisico muscoloso, ma non ricordo che Elvis abbia fatto dei commenti,come quelli che dici, sul fatto che volesse essere come lui, nemmeno quando girarono il film insieme.

Elvis voleva fare tanti film diversi dai suoi film canterini, ma, in tal senso, non è mai riuscito ad affrontare Parker. Così ha continuato a fare quei terribili documentari musicali
Rispondi Citando
Rispondi

Bookmarks

Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di scrittura
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is Attivo
Smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato

Vai al Forum

Discussioni simili
Discussione Ha Iniziato questa Discussione Forum Repliche Ultimo Messaggio
Marty Lacker: Beale Street Blues Note Lisa Col. Tom Parker e Memphis Mafia 0 30-07-2010 11:35
Fans donne , fans uomini... marinella Tutto Elvis 49 05-05-2010 19:37
Marty Lacker commenta uno strano CD... Lisa Col. Tom Parker e Memphis Mafia 5 29-04-2010 22:20
Vediamo chi risponde esattamente... Rubberneckin Tutto Elvis 32 28-10-2007 20:18
Marty Lacker in ospedale! Lisa News 1 20-12-2005 17:25


Tutti gli Orari sono GMT +1. Attualmente sono le 13:22.


Powered by keyBoard versione 3.8.5
Copyright ©2000 - 2024, Assiplan.italia!